Vocabolri

(dal parli mia cumni druvdi int al st)

A

Abunamint: abbonamento;

Abunr: bonificare terreni;

Adern o dern: intorpidito;

Aguşt o guşt: scoiattolo;

Albarja (ser a l'): essere esposto alle intemperie;

Alchr: leccare;

Aldm: letame;

Aldamr: concimare;

Aldn: ontano;

Ale: alleato;

Alsja: acqua saponata, liscivia;

Altrio:arteriosclerosi;

Ancşna: incudine;

Amsōra: falcetto;

nma: anima;

Anquanun: persona indecisa;

Ansna: fune alzaia (per traini dalla riva);

Antr: pulire, nettare;

Abrf: sgridata, rimprovero, rimbrotto;

Arcda: chiurlo;

Arint: presso, (accanto, vicino);

Ariantin: scricciolo;

Arlj: orologio;

Arsiprēt: arciprete;

Articich, ciarcifen, scarcifel: carciofo;

Arvdres: arrivederci;

Arvera: analogia;

Arzdōr: vedi zdōr;

ser: acero montano;

Ascarsa:nostalgia;

Aşvin: vicino, (accanto, presso);

Atch: accanto, (presso, vicino);

B

Bacich: battaglio;

Bacirla: capo, testa;

Badin: anice stellato;

Balnsa: bilancia;

Bregh: recinto per bestiame

Barfa: rissa;

Başalch: basilico;

Basōra: tardo pomeriggio (prima della sera)

Batmajōl: aiutante del fabbro ferraio;

Bechn, Becamrt: becchino;

Beclver: lauroceraso;

Ble : di gi;

Berlēda: golena;

Berlş: penombra;

Barla: centina;

Besabga: giro vizioso, a serpentina, tortuoso;

Beziōş:irritabile, permaloso;

Bicēr : bicchiere;

Bsa scudlra: tartaruga;

Brja: campo vicino alla citt tenuto a prato;

Brnda: merenda, spuntino;

Brşa: briciola;

Burs: canovaccio, strofinaccio;

Buşl: rompicapo, problema di difficiele soluzione;

C

C : casa;

C lugadōra: casa di latitanza, latitanza;

Calndra: calenda, primo del mese;

Calgara: conceria;

Cambrres: rapprendersi;

Cantun: spigolo;

Caps: talento;

Caplegh: opulento, gagliardo, eccezionale, ben riuscito, fuori del comune;

Catr : trovare;

Cavagnn: cestino;

Cavaj un: bica;

Cavdun: alari;

Cavden: cavedano;

Cēl : cielo;

Celinta: eccellente;

Cheriatra: creatura;

Cicri : chiacchere;

Ciapt: molletta per panni;

Civga: chiavica, chiusa, paratoia;

Cic: succhio; linfa (delle piante);

Ciocabch: barba di becco (pianta erbacea);

Ciocapit: persona non affidabile, che non mantiene la parola, pi apparenza che sostanza;

Cich : rumore;

Cinder: chiudere ermeticamente

Ciuga: pavoncella;

Cbi: covile;

Cgma: cuccuma, briocco;

Cōltra: lama dell'aratro;

Congher: capinera;

Cstica: acustica;

Cremōr: cremore di tartaro (lievito);

Cruşra: gruccia, treppiede, rialzo a croce per il mastello del bucato;

Crch: crucco (tedesco o di origine tedesca dispregiativo);

Culin: colino;

Culina: collina;

Cunsla: fungo porcino;

Curtl : coltello;

Cutren: calzatura;

D

Dardin: alzavola (uccello simile all'anatra)

Dednns: davanti;

Dedrē: dietro;

Dr de stmegh: vomitare;

Desfr : guastare, sciogliere;

Dstra:destra politica;

Destuşgnt: depurativo;

D drt: dito indice;

D 'd mz: dito medio;

D grs: dito pollice;

Dmn : domani;

Dopdişn: dopopranzo;

Dopmezd : pomeriggio;

Dsipr: scucire, guastare la cucitura;

Dutōr : dottore;

Dzr: tesoro;

E

Egherfj: agrifoglio;

Egosta: egoista;

rba d nzel: angelica;

rba ranina: erba veronica;

rba da l' udōr: erba aromatica;

Erbuni: prezzemolo;

rch dal Sgnōr: arcobaleno;

şen: asino;

ser lat e vin: avere colorito acceso;

Etrsch: etrusco;

F

Fadga: fatica;

Fza: faggio;

Fazra: faggeto;

Fazōla: faggio giovane;

Fazt: faggiola (frutto del faggio);

Fda: fata;

Fica: fiacca;

Fiachsa: stanchezza,

Figursa: figuraccia;

Flga: folaga;

Fratasin: cinciarella;

Frra: fabbro ferraio;

Fujda: sfoglia;

Fujta: quartino di vino;

Furmj: formaggio;

G

Galina: gallina;

Garbs: cavolo capuccino;

Garufanin: chiodi di garofano;

Gavl: paletta per camino o stufa;

Gazia: robinia;

Genuvn: genuino;

Gerlifch: arabesco;

Giarun: ghiarume, ghiaione;

Giarla: sassolino, pietruzza;

Gmēr o gmēra: vomere dell'aratro;

Gnnto : niente;

Gşel: zolla di terra;

Grads: graticciato;

Granj: granaglie, cereali;

Granra: scopa (attrezzo);

Gusa: guazza;

Guasadōr: guazzatoio;

I

Imbutirr: imburrare;

Inajres: inviperirsi, infuriarsi, irritarsi, adirarsi;

Incavaltda: accavallamento;

Inciva: alice, acciuga;

Incō : oggi;

Ingr: ramarro;

Inmunr: intasare;

Inmurbdr: ammorbidire;

Insni: sogno;

Insil: prodotto conservato in silo;

Inserenda: madrigale amoroso;

Inturtir: avvolgere, arrotolare;

Invicevrsa: viceversa;

L

Lma: lama, mallo;

Landin: trattore Landini;

Landin: lampada pensile di chiesa (a olio) ;

Lapadōr: mangione, sbafatore;

L: lato;

Lē: lei;

L: l;

Lder: ladro;

Lm: Legume;

Lifgnaria: leccornia;

Linfrescnt: rinfrescante;

Livl: livello, affittanza annua di fondo agricolo

Lso: lusso;

Ln a clter: reciproco;

Lucrsia: liquirizia;

Lna dra: secondo quarto di luna;

Ludrt: imbuto;

M

Maledisiun: maledizione, amuleto magico attaccato ai carri agricoli;

Mnghel: torchio orizzontale a cilindri;

Manopli: monopolio;

Mnz: manzo;

Manzōla: vitella, giovenca, (gnr la) colpito da mialgia da affaticamento;

Mars: acceta con manico corto;

Marids: matrimonio combinato;

Marmja: orda, marmaglia;

*Marturl: martora;

Matina: mattina, est;

Mnd : mondo;

Mar : marito;

Mdra : madre;

Ml sutl: tubercolosi;

Mlmer: marmo;

Msc: mestolo;

Mscla: mestola;

Mezant:mezzanotte, nord;

Mezd: mezzogiorno, sud;

Mincia: minccia, ictus;

Minun: staio;

Mcio!, o mcio!: zitto!, chiudi il becco!

Mudres: trasformarsi; 

Mujēra : moglie;

Mujti: molle per fuoco;

Murguna: nitticora (uccello di palude);

*parli nōvi

N

Nder: anitra;

Naşina, laşina: ascella;

Nş: naso;

Nn o nno: nonno, suocero;

Nsch: con noi;

O

li bun: olio extravergine d'oliva;

Osia: ossia, cio;

: porta;

Oşmro: individuo scaltro e di pochi scrupoli;

va: uva;

P

Padl: palude;

Pajs: pagliaccio; buffone;

Palms: palmo della mano;

*Pelgrina: mantellina;

Paltin: tabaccaio;

Parunsin: cinciallegra;

Psqua rōşa: Pentecoste;

Patta, patda: patata;

Patuna: frittella fatta con minestra avanzata, castagnaccio, ceffone, scoppola;

Pavēra: carice, falasco (erba usata per impagliare);

Permalōş: permaloso;

Piansa: landa, terreno incolto;

Pidema: epidemia;

Pigrmla: epigramma;

Pila, piōla: pialla;

Piōla: osteria di campagna;

Perpignn: bagolaro (pianta);

Pş: pace, ferro da stiro pieno in ghisa;

Pc: fanghiglia, melma, pasticcio, imbroglio;

Pomdr : pomodoro;

Pm da tra: patata;

Pder : padre;

Perşunia: prigionia, reclusione;

Piagadōra: mortasatrice (per fare incavi nel legno)

Picja: spilungone, pancettone ripeno di carne, uova verdure, formaggio;

Pincina: dileggio, derisione, motteggio;

Piōc: pidocchio;

Piōd: artro;

*Pila: osteria di campagna

Pipla: upupa;

Piscra: beccaccia;

Pisacarin: beccaccino;

Pijaps: martin pescatore;

Pva dal carnr: cornamusa;

Putin, putn, putina, putna : bambino, bambina;

Prdegh: portico;

Prtica: pratica, esperienza;

Prtica (la) o al prtich: l'amante;

Prēda da salgh: selce;

Ptcia: tifo petecchiale;

Pumpēr: vigile del fuoco o (una volta) vigile urbano;

Pndga o pundgun: topo di fogna;

Puntalun: vino infortito o annacquato;

Q

Qugn o quagna: racchetta da neve;

Quelchidn: qualcuno;

Quersr: querceto;

Quintl: quintale;

R

Raclun: pignolo, tipo cavilloso;

Ragasōl, ragasōla : ragazzo, ragazza;

Rns, arns: rncito;

Ras'ct: raschietto

Ras'cn o Raschn: raschino;

Ravanl : rapanello;

Rsta: treccia di aglio o cipolla;

Riblsa: piombatoia di fortificazione;

Rōla: aureola, alone;

Rzna: ruggine (ferro);

Rucht: marzaiola (uccello acquatico);

S

Saczda: saccheggio;

Saldv: incolto (terreno);

Slga: vimine;

Salssa: salsiccia

Slga: vimini

Salmerj: carriaggi;

Sanguta: sanguisuga;

Şbrindaj: brandelli;

Scja: scaglia, prostituta;

Scardasin: cardatore;

Scavalcavia: cavalcavia;

S'cianchr : strappare;

S'ciasint: vistoso;

S'cip a mcia: archibugio;

Scmi: sfratto;

Scrna : sedia;

Scumpartr: smistare;

Şcuriasdi: scorrerie;

Sctuts: bruciaticcio;

Scutmj: soprannome, nomignolo, appellativo;

Şds: setaccio;

Şdarina: spazzola di saggina per il bucato;

Sebiulin: flauto,

S'cn: piccolo secchio o secchiello;

Schn: zecchino;

Sc: secchio;

Sirci: correggiato (attrezzo per battere cereali formato da due bastoni di legno uniti da striscie di cuoio)

Smza: cimice;

Serpl: serpillo (variet di timo);

Ss: liquame della concimaia, colaticcio;

Sfigh: sfigato, sfortunato;

Şgalmēdra: disinvoltura, scaltrezza;

Smanvrr: amalgamare;

Sinstra: sinistra politica;

Snta: cinta;

Sra; sera, ovest;

Sirudla: carrucola, filastrocca popolare a rima baciata;

Sişun: germano;

Sit : citt;

Şmşdegh: domestico (animale);

Şmja: acqua di cenere, cenerata;

Soqunt: alcuni;

Sj: tinozza, mastello per il bucato

Sregh: topo;

Sregh muscardin: topo di campagna;

Spdla:spatola;

Sparc: tiro di due bovini per arare;

Splter: esperto;

Spicinfrn: asso pigliatutto, scopa allasso;

Spicinfrna: partita a spicinfrn;

Spiandōr: splendore;

Spgh: spigolo;

Spsel: puzzola;

Sprecagrgn: maltagliati (pasta);

Spudaciun: viburno (pianta);

Spuşisiun: disposizione;

Stalt: stalla per asini;

Stanla: sottana delle contadine;

Stindli: stendardo, bandiera;

Strs: straccio;

Stufja; stanchezza, fiacca;

Stugun: culmo (stelo delle graminacee);

Sugamn: asciugamani, scaltrone, volpone;

Supiun: spione;

Surzia: sorgente;

Şvaset: tuffetto (uccello che costruisce il nido nell'acqua)

Şvş: dilatazione (di tubi);

Şvgn: svenuto;

T

Tajōla: zeppa, cuneo;

Tedsch: tedesco;

Teramra: terramara;

Tvla : tavolo;

Tirncla: bretella;

Tocas: incitamento, sprone;

Trpla: trappola, tagliola;

Trebgun: trafficone;

Trents: tarabusino (uccello di palude);

Trēga: combriccola;

Trgn: orcio, tracagnotto (persona);

Trr via: vomitare;

Trusra: terriccio mescolato con concime organico;

Tugnn: tedesco (dispregiativo);

Tupun: topo d' acqua;

Tt a na: plebisitariamente,

U

Uc: occhiali;

Urcia dal piōd: versoio dell'aratro;

Urtga: ortica;

Urasiun: preghiera;

Ulandiş: olandese, vecchio surrogato del caff;

lsra: ulcera;

Uşvj: attrezzo;

V

Vda: chimere, lusinghe fallaci, miraggi ingannatori;

Valadōr: vaglio meccanico;

Vc, vcia: vecchio, vecchia;

Verghint: rovente;

Vrmel: verme intestinale;

Vrmel solitri: verme solitario;

Vş: vaso, cubatura, dimensione di un fabbricato;

Viasōla: viuzza;

Vintj: ventaglio;

Vl: velluto;

Vudr, şvudr: vuotare;

Z

Zavj: rigattiere, persona da poco;

Zampun : zampone;

Zarzcla: megera;

Zl: gelato;

Zdōr: capo famiglia contadina;

Zdōra: massaia, reggitrice casa colonica;

Znr: gennaio;

Zuvnt: giovanotto;

Prma pgina