Un Girtn par l' Infēren

(Poeşi nna prt)

La copertina

La spiegasiun dal I cnt

I prm 24 vrs dal I cnt

Int la metā 'd la vta a'm sn catā

int un bsch fss e ngr 1 e minaciş,

3 che e gist sintēr a j'va 2 bandunā.

 

A cuntār 'd'(a)st 3 bsch periculş,

acs spr' 4 e sajvdghe, e'm fa gnr mal 5

6 sl a pansāgh, da e tānt ch'l' spaj6!

 

Terbil quāşi cm 7 la mōrt; ma e vl

cl ch'j' catā int la fursta 'd bn,

9 'd j'āter lavr 8 ch' j' 9 vst: a vōj cuntāl.

 

Quānd j' lasā e sintēr, j'ēra in sugnn 10,

mş indurm e la mēnt l'ēra apanāda,

12 che cum' 11 a sn entrā 12 a'n m'arcōrd13 dabn.

 

In fnd l'urbbla vla ingarbjāda,

che tānt (a)s-cmantimēnt 14 la m'va 15 dā,

15 'na muntagnla, a i fiānch e in ēlt başāda

 

ble da i rāg de sl, ch' l'manitā

tta e sēmper e cumpgna ē e cra

18 pr'gni vja che n l'bja imbrucā.

 

Alra l' calā un pō la pajra

che l'ēra armāşa dēntr' 16 a e cr, e grsa,

21 cla nt terbbla int la mcia scra.

 

E damnd n scampā, ch'ancr strangsa 17

quāşi fugā da e mār incativ

24 e 's vōlta, sulevā, vērs l'qua msa,

Nel mezzo del cammin di nostra vita

mi ritrovai per una selva oscura,

che la diritta via era smarrita.

 

Ahi quanto a dir qual era cosa dura

esta selva selvaggia e aspra e forte

che nel pensier rinova la paura!

 

 

Tant' amara che poco pi morte;

ma per trattar del ben ch 'i 'vi trovai,

dir de l'altre cose ch'i' v' ho scorte.

 

lo non so ben ridir com'i' v'intrai,

tant'era pien di sonno a quel punto

che la verace via abbandonai.

 

Ma poi ch'i' fui al pi d'un colle giunto,

l dove terminava quella valle

che m'avea di paura il cor compunto,

 

guardai in alto e vidi le sue spalle

vestite gi de' raggi del pianeta

che mena dritto altrui per ogne calle.

 

Allor fu la paura un poco queta,

che nel lago del cor m'era durata

la notte ch'i' passai con tanta pieta.

 

E come quei che con lena affannata,

uscito fuor del pelago a la riva,

si volge a l 'acqua perigliosa e guata,

1 Contr. ngher

2 A seconda della zona, dell'epoca, del contesto, si

possono usare (a) j' va o (a) j' va = avevo

3 La (a) indica un suono eufonico, qui e sempre in se-

guito. La frase originaria sarebbe stata ad st = di questo

4 Contr. sper

5 Nel significato dialettale gnr māl = avere un malore,

venir meno, svenire

6 In dialetto spajrş si traduce con pauroso, termine

che ha in s il duplice significato di spaventoso (se detto

di cosa) e di pavido (se detto di persona)

7 A seconda del contesto di frase e del luogo, il come

pu essere reso con cm, cm, cum', cma, cmu, cm',

damnd. Si veda anche il glossario alla voce cm

8 'd j'āter lavr = altre cose

9 J' = ho. Qui e in seguito si userarmo j' e a j' = io ho.

Spesso nel parlato la a si perde. Vedi anche nota 2

10 ser in sugnn = essere mezzo addormentato, essere

tra sonno e veglia, ma anche vagare sonnambuli

11 Cum' a sn = come sono; scelto per ragioni metriche, pref. sarebbe stato cm'a sn

12 In dialetto per entrare non si usa entrar (qui usato per esigenze metriche), bens andār/gnr dēnter

13 La costruzione negativa avrebbe previsto l'inseri-

mento di mia/mja (a'n m'arcōrd mja dabn), omesso

per esigenze metriche. In proposito vedi anche note 21 e 56

14 S-cmantimēnt = sgomento. Il trattino tra s e c consente di pronunciare separatamente la s e la c dura; se non vi fosse, potrebbe sorgere un dubbio di pronuncia. Vedi introduzione (Casi particolari di scrittura)

15 Vedi nota 2

16 Contr. dēnter

17 Ch'ancr strangsa: corrisponde a che ancra e strangsa = che ancora tosssce ( malamente). Vedi glossario (strangusār)

Dal lber "Un girtn par l' Infēren" ed Maria Teresa Pantani in dialt arşn muntanr in sm a i prm sē cnt ed l' "Inferno" da la "Divina Commedia" ed Dante Alighieri. Cun in fnd un vocabolri dal parli druvdi int al lber.

Edisiun Associazione Scrittori Reggiani cun disgn ed Nani Tedeschi. Stamp da La Nuova Tipolito - Felina int al 2012.

Al Cd cun al vōş ed

Maria Teresa Pantani

e Eolo Biagini

che lēşen i vrs

Utva prt

Rba 'd c nstra

Dcima prt