Pruvrbi

Pruvrbi

Rba dunda l' simper gustda: a caval donato non si guarda in bocca;

 

Scmpa cavl che l'rba la crs: campa cavallo che l'erba cresce;

 

L' salt da la padla ind al brşi: caduto dalla padella alle braci;

 

Per fr un fs a 'gh vl dō rvi: per fare un fosso ci vogliono due rive;

 

Se stmpa la bca ai sch m a la gnta no: si chiude la bocca a i sacchi ma alla gente no;

 

Al zgh l' bl qund l' crt: il gioco bello quando corto;

 

A tirr trp, la crda la se s'cinca: a tirare troppo, la corda si strappa;

 

Qund an gh' ma i quatrin tt i ml a slten fra: quando non ci sono i quattrini tutti i mali saltano fuori;

 

La salt an gh' bsi che la pga: non ci sono quattrini che possono pagare la salute;

 

In c an gh' pş, qund la galina la cnta e al gl a tş: in casa non c' pace quando la gallina canta e il gallo tace;

 

A lt tt a se scrda: a letto tutto si dimentica;

 

Druvr 'na carila qund l' ble rta: aspettare troppo ad usare le cose;

 

L' dmi avir av, che avir 'd avir: meglio avere avuto che essere ancora in credito;

 

Paghr e murr a 's simper in timp: pagare e morire si arriva sempre in tempo;

 

L' dmi un mgher agiustamint che 'na grsa sentinsa: meglio un magro aggiustamento che una grassa sentenza;

 

Ed cl ch' n gh' a 's f sinsa: di ci che non c' si fa senza

 

L' dmi qul d' aşreb che gnnt ed madr: megli qualcosa di acerbo che niente di maturo;

 

Luntn da j c, luntn dal cōr: lontano dali occhi lontano dal cuore;

 

La prm' cva ch vn l' cla ch bgna: la prima acqua che viene quella che bagna;

 

La cusnsia l' cme la gma elstica: un p la v e un p la vn: la coscienza come la gomma elastica: un po' va e un po' viene;

 

S' l' n n spa l' pn bagn: se non zuppa pan bagnato;

 

La dna ch' la s'cfla l' pēş che 'na vpra: la donna che fischia peggio di una vipera;

 

L'amōr l' cme la ts: an 's tn ma quac: l'amore come la tosse non si tiene nascosto;

 

I murōş j n cme i gt ch' a fn ed nt i s ft: i fidanzati sono come i gatti che fanno di notte tutti i loro fatti;

 

Per vver bin e str sn da i parint stgh bin luntn: per vivere bene e rimanere sano, dai parenti stai ben lontano;

 

Un pder al mantn st fiō m st fiō i 'n mantnen un pder: un padre mantiene sette figli ma sette figli non mantengono un padre;

 

Amōr ed fradl, amōr ed curtl: amore di fratello, amore di coltello;

 

Se piōv a mezd piōv tt al d: se piove a mezzogiorno piove tutto il giorno

 

Al frt proib l' al pi savur: il frutto proibito il pi saporito;

 

J m an n' es vnden a piş: gli uomini non si vendono a peso;

 

Chrta cnta viln rnfa: quando c' qualcosa di scritto si pu dormire tranquillo;

 

Lt e caplet: al paradş di puvrt: mangiare e dormire bene sono l'aspirazione dei poveri;

 

Al ml a vn a cavl e al v via a pē: la malattia arriva all'improvviso, la guarigione invece lunga;

 

Gnt che pōlen a fn cme vōlen: i ricchi fanno come vogliono;

 

Qund an gh' mia 'd quatrin tt i ml a slten fōra: senza quattrini tutti i mali saltano fuori;

 

Chi an rşga an rōşga: chi non risica non rosica;

 

Sta l'cva la fm, sta la niva al pn: sotto l'acqua la fme, sotto la neve il pane;

 

La verit la f cme l'li, la vn simper sōvra: la verit come l'olio, viene sempre a galla;

 

nch al brşi j n pn: anche le briciole sono pane;

 

Al zōgh l' bl qund l' crt: il gioco bello quando corto;

 

L' dmj rusghr un s che un bastun: meglio rosicchiare un osso che un bastone;

 

Ml an fr, para an n'avir: male non fare, paura non avere;

 

Chi paura di guj an si tra mia in c: chi ha paura dei guai non se li tira in casa;

 

L'urtga l' cgnusda nca da j reb: l'ortica conosciuta anche da i ciechi;

 

'Na vja l'an n' mai paghda: una voglia non mai pagata;

 

'Na campna da per lē la suna simper bin: una campana sola suona sempre bene;

Se i gt a mgnen i sregh, i fiō di gt a mgnen i soregh: tali padri, tali figli;

 

Chi la f, la mgna: chi la fa laspetti;

 

Rba rubda l'n f nispna parda: roba rubata non fa alcuna riuscita;

 

La rba la v e la munida la rsta: vendi, guadagna e pentiti;

 

Tt f fss, bsta ch'an fga fadga: tutto fa brodo, basta che non si fatichi;

 

Chi trp l'arsga, in fn al csca: chi troppo rischia, infine cade;

 

Chi strapza al mistēr n f rba: chi trascura il proprio lavoro non fa fortuna;

 

I sld a vernşen tt: i soldi rendono tutto nuovo e bello;

 

I bsi'n piōve mia a la nt cun la ruşda: bisogna lavorare per guadagnarsi i soldi;

 

Tti al furberi gh'n i pē crt: tutte le furberie hanno i piedi corti;

Vel pi un pcun ed cavc che la sapiĵnsa: vale pi la pratica che la grammatica;

 

A andr a bs tt i Snt ajten: nell'andare in discesa tutti i Santi aiutano;

 

Da da bver al prēt ch' al cregh al gh' si: dai da bere al prete che il chierico ha sete;

 

Al vint an mai and a lt cun la si: il vento non mai andato a letto con la sete;

 

Cun al pch as f l'as: con il poco si fa qualcosa;

 

An 's mōv fja che Dio 'n vja: non si muove foglia che Dio non voglia;

 

Tra pi un pil ed dna che un pr ed bō: tira pi un pelo di dona che un paio di buoi;

 

Dn, rist e mda, chi li caps in gda: donne , ricette e moda chi li capisce ne goda;

 

Dō dn e 'n oca a fn un march: due donne e un' oca fanno un mercato;

 

La tvla e al bicēr a fn ml in pi manēr: la tavola e il bicchiere fanno male in pi maniere;

N dna n tila a luşōr 'd candila: guai a chi accetta a occhi chiusi;

 

Al dn n'in sn un pnt pi dal divel: le donne ne sanno un punto pi del diavolo;

 

L'amōr e 'l caght chi 'n al prōva 'n al crd: l'amore e la diarrea chi non li prova non sa cosa sono;

 

Dna smrta ppa frta: la donna pallida una grande amatrice;

 

A tardr an se şblia mai: a riflettere bene prima di fare non ci si sbaglia mai;

 

'Na nōş l'an f fracs: una sola noce non fa fracasso;

 

Bişgna tōr al bl e nch al brt: bisogna prender il bello e anche il brutto;

 

Tt al parl n meritn rispsta: non tutte le parole meritano risposta;

 

Dp al catv a vn al bun: dopo il cattivo viene il buono;

 

Chrta cnta e viln runfa: carta canta e contadino russa;

*Chi spa la vida d'agst l'imps la cantina 'd mst: chi zappa la vite in agosto riempie la cantina di mosto;

 

*Chi s'cfla a tvla e cnta a lt l' un mt perft: chi fischia a tavola e canta a letto un matto;

 

*Qund a cnta al mrel, a sm fōra da l'invren: quando canta il merlo siamo fuori dall'inverno;

 

*Qund al gl al cnta ind l'ōra dal dişnr, al timp al pōl cambir: quando il gallo canta a mezzogiorno, il tempo pu cambiare;

 

*Al nm di cojun l' in tt i cantun: il nome degli stupidi in ogni luogo;

 

*Dal dn a gh in vl na per gni cantun dal mnd, ch'l' rotnd: delle donne ce ne vuole una per ogni angolo del mondo, che rotondo;

 

*Prt in capla nuvit bla: prete col cappello, novit bella in vista;

 

*T al bun qund al vn e al catv quand al cpita: prendi il buono quando viene e il cattivo quando capita;

 

*I sld e i capun i vn bin in tt 'l stagiun: i soldi e i capponi sono buoni in ogni stagione;

 

*Tōr mujēra l' un caprsi, m a mantgnrla a 'gh vōl giudsi: prendere moglie un capriccio, ma mantenerla ci vuol giudizio;

* nōv

Rba 'd c nstra