Lezione 9 - Lesiun 9

 

La particella gh (a gh, ghe, gh)

 

La particella gh, (a gh, ghe, gh) ha diverse funzioni e significati.

 

- Pronome personale, corrispondente alle forme accusativo e/o dativo delle particelle dell'italiano:

 

ci e ce = noi, a noi, (accusativo e dativo)

gli = a lui, a loro (solo dativo)

le = a lei (solo dativo)

es.:

a gh (gh) dş (gli dice/le dice/ dice a loro).

- Per evitare equivoci, fra a lei, a lui, a loro, al verbo pu seguire il pronome personale chiarificatore

es.:

a gh dş a lē (dice a lei)

a gh dş a lōr (dice a loro)

 

- Pronome dimostrativo, corrispondente a:

 

ci (questa cosa, quella cosa, ci)

es.:

an gh (gh) pins pi = non ci penso pi.

 

- Avverbio di luogo, corrispondente a:

 

ci (l, l)

es.:

an (n) gh (gh) vgh ma = non ci vado.

 

- Avverbio di cagione, corrispondente a:

 

ci (a causa di ci)

es.:

a gh prd = ci perdo..


-
La particella gh pu appoggiarsi in forma enclitica ai verbi,

 

es.:

dgh (digli, dille, di' a loro, dire a loro).


- Fra il verbo che termina con consonante e gh si interpone una i,

es.:

şbatghel in fcia! (buttateglielo in faccia!).


-
Precede sempre come particella pleonastica (corrispondente a ci dell'italiano) le forme verbali di avir (avere), quando questo non ha funzione di ausiliario,

 

es.:

a gh m fm (abbiamo fame)


-
Davanti alle forme verbali di avir pu perdere, nello scritto, o la sola e o he,

 

es.:

nuter gh' m (noi abbiamo); m g' (io ho).


-
E' presente anche quando avir sostituisce in perifrasi, e con preposizione da, il verbo duvir (dovere),

 

es.:

gh' da lavurr (devo lavorare).


-
Perde la e per elisione quando precede una vocale,

 

es.:

m an gh' inter ma (io non "c'entro"); al gh' (c'), a gh' n (ci sono).

- L'utilizzo dell'apostrofo determinante, soprattutto per distinguere l'effettiva funzione di ghe nelle proposizioni con le forme del verbo,

 

es.:

al gh' (c'); a gh va (ci va).

 

- Quando in posizione enclitica con il verbo, gh si accoppia e si fonde con le particelle pronominali 'l , la, i , ne, formando i nessi ghel, ghla, ghli, ghen, corrispondenti ai nessi dell'italiano glielo, gliela, glieli, gliele, gliene,

 

es.:

dghel (diglielo) dghla (digliela), dghli (digliele) dghen (digliene).


-
Quando la coppia di particelle precede il verbo, non si fonde, formando gh'el/al, gh la, ghe in/gh'in,

es.:

a gh in dgh quter (gliene dico quattro).

Lezioni

Grammatica

Prima pagina