Md ed dr

 

An dr dal cojundi! : non dire stupidate!

 

C'sa vōt? 'Sa vōt? : cosa vuoi?

 

Ch a t vgna n canchr! : che tu sia maledetto, frase di disprezzo (solitamente scherzosa) rivolta a qualcuno;

 

Ciapr la bla : ubriacarsi;

 

In d vt? : dove vai?

 

L'cva la f i caplt : l'acqua fa i cappelletti, riferito allo spuzzo di forma circolare che fanno le gocce d'acqua quando piove forte;

 

Tn bta : tieni a botta, resisti;

 

Stm s d'ads!: stammi su d'addosso, lasciami stare;

 

Al drom in cavsa: dorme in cavezza, dorme in piedi;

 

L' alzēr cme 'na pima: leggero come una piuma, si dice di chi al verde, senza soldi;

 

A la carluna: in fretta e furia, senza un ordine preciso;

 

Al cil l' culōr fof: il cielo grigio;

 

A lsna: lampeggia;

 

A flsca: cade qualche fiocco di neve;

 

A sgivra: cade nevischio gelato;

 

La vn z a palt: viene gi a palate;

 

A gh' 'na si ch ' a brş: ho una sete che brucio;

 

Al vn da c dal divel: viene da molto lontano;

 

Zōga 'na flnga: gioca una carta senza valore;

 

L' un gano: uno che ci sa fare;

 

An fr di snm!: non fare delle storie!

 

Ch' t gns 'n antcōr: che ti venisse un colpo;

 

Dgh m ch' a 'gh dga un tj: digli di smetterla;

 

L' viln cme 'n ōlem: villano come un olmo;

 

M 'n gh' inter: io non c' entro;

 

Al 's la tş dōlsa: se la prende con calma o con comodo;

 

L' 'n piōc: un avaro;

 

Al smbra la lna pna: uno che molto grasso;

 

Fr la trda, fr la rta: spalare la neve;

 

Al f la blişgarōla: scivola sul ghiaccio;

 

L' un p imbruşi: un po' arrabiato;

 

Al gh' 'na rzla d' n: molto vecchio;

 

Am bla la vsta: non ci vedo del bene, non ci credo;

 

Ch a gh' 'na fufgna: qua c' un imbroglio;

 

L' un cl trt: un bigotto;

 

Al fa bl e prst: lavora bene preciso e svelto;

 

Al gh' i brs crt: non ha voglia di lavorare;

 

L' n cun la pla crta: un avaro;

 

Al spia cntra vint: sta facendo un lavoro inutile;

 

Al gh' al cl ch' al fa po-po: ha paura;

 

F a mōten!: comportati bene!

 

Fr a s mōten: fare di propria testa;

 

Fr 'd 'na msca un cavl: ingigantire le cose;

 

L' un qul ed cl' ter mnd: inaudito, indicibile;

 

Per drla s'cta e nta: per dirla in tutta franchezza;

 

Catv cme 'n spsel: pestifero;

 

Tgnres ed bun cme 'n spsel: darsi un sacco d' arie;

 

Ragsa cun i sprun: vecchia zitella;

 

Fr fōra al pst: riuscire ad avere i favori di una donna;

 

Andr a scartc: andare in malora;

 

A gh' 'na bla galabrsna: c' un brinata eccezionale;

 

A se şmarina: si sta scongelando;

Al se şmarina: (persona) si sta scaltrendo o sta diventando pi malleabile;

 

A vn z i pl in pnta: sta piovendo a dirotto;

 

La pr un prilin: detto di una ragazza graziosa;

 

L' 'na coperatva: detto di donna di facili costumi;

 

Ragz f bl o f a mōten: ragazzi fate a modo;

 

Al gh' l bl ed Sn Vt: persona molto vivace;

 

Al 's grta l cl: persona che non fa nulla;

 

Al tta: persona che crede a tutto;

 

Al gh' l tabr ft ed pavēra: povero in canna;

 

Al csta un divel e mz: merce molto cara;

 

gh fgh 'na crōş: si dice di un'esperienza negativa che non si vuole ripetere;

 

L' in dbit cun Dio e l divel: indebitato fino agli occhi;

 

La dir ml nch ed Ges Crst: una gran malalingua;

 

Al 'gh f l pt: gli fa la corte;

Md ed dr

* nōv

Al f fumr al camin: persona capace di mantenere una famiglia;

 

L' d l brgh a la mujēra: ha rinunciato a essere il capo della casa;

 

Al v gnn a cucrel: persona lenta nel lavoro, macchinario bloccato;

 

L' un pipn: uomo da poco, sensa personalit;

 

A 'gh prta l'cva cun al j urc: persona molto servizievole;

L' acs avr che a tirr fōra i sl al drōva i gmet: cos avaro che per tirare fuori i soldi adopera i gomiti;

 

A gh' quter gt: c' poca gente;

 

L' spian: ha sfoggiato un vestito nuovo;

 

L' armş cme un cl nd insm al gis: rimasto di sasso;

 

Tra mrt e fr an s' ft ml nisn: tutto andato a finire bene;

 

Et far 'na scfia: ti metto a posto io;

 

L' l a cavl dal fs: molto indeciso sul da farsi;

 

L' l tra la chrna e la pla: una cosa risaputa;

 

L'n ligh cme 'n salm: l'hanno ingannato ben bene;

Al f lli bun: si dice di un bambino che piagnucola per niente;

Durmr in cavsa: dormire in piedi, essere poco furbo, essere imbranato;

 

A gh' gn 'n strecas: gli venuto un improvviso malore;

 

Al rubar nca al bastun a Sn Rch: ruberebbe anche il bastone a San Rocco;

 

Li l l' simper st un gerndio: quello l sempre stato un gerundio (un originale);

 

Agh rd fn la sōla dal schrpi: gli ride persino la suola delle scarpe ( arcicontento);

 

Al gh' pi cl che nma: ha pi sedere che anima ( molto fortunato);

 

t cap l'antfona?: hai capito l'allusione?

 

Agh ppa al cl: gli stringe il sedere (ha molta paura);

 

Dio gh'in rnda mrit: Dio gli renda merito;

 

Sm tt cl e patja: siamo tutto sedere e camicia (siamo complici);

Bti da ōrob: picchiarsi o picchiare menando colpi selvaggiamente e furiosamente, sacco di legnate;

 

L' ciap 'na brta scpla: ha preso un brutta batosta;

 

L' cuntint cme 'n cp in gronda: contento come una tegola sul filo della grondaia;

 

Et t' ciap int 'na brga: hai inciampato nei tuoi pantaloni, ti sei sbagliato;

 

L' urdinri cme l'alsja: insignificante come la lisciva;

 

A gh' al pantiun: ho l'affanno, respiro male;

 

Per parlr al drōva 'l cumps: molto misurato nella parole;

 

Al gh' la patja sprca: ha la coscienza poco pulita;

 

L' 'n baciarl: un ignorantaccio;

 

Li l l' 'n drto: un furbacchione;

 

Csta l' caplga: questa una grossa bugia;

 

t m' ft gnr du pē!: mi hai stancato;

 

Ech d pē che 't am fē gnr!: mi stai scocciando, mi sta stancando;

Fr la pincina: dileggiare, sbeffeggiare, fare il verso per deridere;

*Fr cantina: fare cantina, produrre il vino in casa;

 

*Pst in cantina: posto in cantina. Si dice di merci varie con porto franco sino al domicilio del cliente;

 

*Saltr d' in c in cantina: saltare di palo in frasca;

 

*Fr dō cantdi: cantare in compagnia;

 

*Al vōl ciapēr da tt i cantun: vuole prendere da ogni parte, avere le mani in pasta in ogni cosa;

 

*Cavres tnt ed capl: levarsi tanto di cappello.Si dice per riconoscere un merito;

 

*Ngher cme 'n capl da prēt: nero come un cappello da prete, molto arrabbiato;

 

*Al gh' la'rla o l' arli: seccato;

 

*Capr la met 'd un ch' an caps gnnt: capire la met di uno che non capisca niente;

 

*L' 'n brt capitl: un tipo poco raccomandabile;

*Al gh' 'l timp ads: molto arrabbiato;

Rba 'd c nstra