Lurgin d la parla...

(secnda prt)

Casella di testo: Stravachres
Stravachres: "stravaccarsi, sedersi o sdraiarsi in posizione comoda ma scomposta, sdraiarsi in malo modo, non educato"; la parla l' 'd urgin padna da pch scrta int i vocabolri italin (1878): la deşvn da "vca" cun la znta davnti de "stra" dal latin "extra": fōra.

Tragatin
Tragatin: "traffichino, trafficante ai limiti della legalit, maneggione, faccendone imbroglione", dal latin "trajectus" ch' a vōl dr vuol "traght" ch al deşvn da "traicĕre", ft da "trans": "oltre" e "iacĕre": "gettare", che p al dvinta "tragetus" e p "traghet". Cla parla ch la gnva druvda per sgnr un mz ch'al "navighva" e che prpia perch al gnva druv per spustres per pch int l'cva an' n'ēra mia trp sicr, l'ēra ft per la grsa prt ed ztri e/o barcun apnt mia trp sicr. Qundi in lregh "tragatin" l' druv per tt i mz ml ms e mia sicr, in dialt al vn druv nca per asiun al lmit ed la lg e nca p'r al persun che fn di lavr mia trp leghl.

Tugnun
Tugnun: "minchione, scioccone, citrullo", al deşvn dal lumbrd "tugnn": "campagnolo, usato come dispregiativo". L'arşn "tugnn": "tugnino/tognino", l'ēra al nm ch' al gnva d a i suld tedsch in md ingiuriōş al deşvn dal lumbrd "tugnit" ch l'ēra l nm che i suld italin al frnt a dven a i suld avstrich int la gura dal 15/18. Secnd al "Dizionario Etimologico Italiano (DEI) di C. Battisti e G. Alessio": Bisogna arrivare alla prima guerra mondiale per le prime attestazioni di "tognino", derivato da 
(An)tonio, nome che nei dialetti lombardi assume il significato di grossolano, sempliciotto.

Urzōl
Urzōl: "orzaiolo"; dal latin " hordeolus" diminutv ed "hrdeum": "orzo".
Galvani al dş:  Perch la bollicina che viene tra i nepitelli degli occhi somiglia a un grano d' orzo.

Uriun
Uriun: "Orione" l' ēra al nm che, int i timp indrē, a gnva d al corēri; al deşvn dal nm ed la dta apaltadōra dal servsi 'd alōra ch la 's ciamva apnt "Orione".

Vda
Vda: "abbaglio, allucinazione, apparizione, fantasia,  illusione, immaginazione, inganno, miraggio, sogno, speranza, utopia".
Fōrsi dal latin "vada", da "vădus": "insidia, pericolo, difficolt, passaggio pericoloso".
In sma 'l "Dizionario Reggiano-Italiano" ed Serra e Ferrari a gh' scrt:
Vda (plm): chimere, lusinghe fallaci, miraggi ingannatori
Andr in vda: andare a rischio di
Avir di vda: fare proposte ingannevoli
Str in sm a di vda: non stare sul sicuro

Vilijch
Vilijch: "vigliacco" dal lain "viliacus" da "vilis": "vile".

Zibr
Zibr: "esibire, offrire, poporre"; dal latin "exhĭbēre (exhĭbĕo, exhĭbes, exhibui, exhibitum, exhĭbēre"): "mostrare, esibire, rivelare, consegnare, presentare, offrire, dare"; ft da "ex": "fuori "e "hăbēre": "avere, possedere, disporre"; da "hăbĕo, (hăbes, habui, habitum, hăbēre") 

Znc
Znc: "ginocchio", dal latin "geniculum" diminutv ed "gĕnū".

Zōgh
Zōgh: "gioco"; fōrsi dal cataln "jog" da latin "iocus": "scherzo, celia, burla, gioco, facezia, passatempo, trastullo, oggetto di scherno o di burla, bagattella, gioco da ragazzi, cosa da nulla".
Casella di testo: Şbrajr
Şbrajr: "gridare, forte, sbraitare, strillare, strepitare, gridare, urlare, vociare"; dal basso latino "bragitare", deşvn da "ragĕre: "ragliare", dedch al latin medioevl "bragire": "nitrire: gridare, parlare con voce molto alta e concitata".
Galvani al scrv:
I Francesi dicono" braire" il ragghiare, e da qui" brailler" il gridare forte e con istrido ; i Provenzali hanno" brai" per grido e "braillar" per gridare.  noto che le due "ll" per noi gallicizzanti si ammolliscono, e si lasciano intender come una j. "Braillar" diviene quindi " brajr", con tendenza alla sottile desinenza francese "brajr", e colla aggiunta della "s" intensiva, "sbrajr". Per conseguenza "sbraj" accresce il "brai" occitanico, e "sbrajamnt"  la mozione latina di una voce celtica pi imitativa del "rudo", e "rudor" della lingua togata.


Scutmj
Scutmj: "soprannome"; smbra ch'al deşvgna dal tedsch "schuld": "colpa, difetto"; cambi p int al latin parl "scult" e da "mal": "chiacchiera, predica, parlantina", e da ch "scult-mal" per mter in vsta la cōlpa o al dift ed la persuna ch' gh vn tach.
A gh' da dr che ai timp ed Carlo Magno la parla "mal" la gnva pronuncda "mail" per cl mutv ch la parla in latin l'  stda cambida in "scutmail" p cun al timp a 's  prs la "l" e al risult l' st "scutmaj".

Ss
Ss: "colaticcio, liquame di stalla, sugo di letame". L'urgin ed la parla "ss"an  mia tnt cra. Smbra ch' al deşvgna dal latin "scissus" particpi perft dal vrob "scindĕre": dividere in due, separare"; da "scindo, scindis, scidi, scissum, scindĕre".  
Cst al cta cunfirma int al scrt ed Giovanni Galvani dal 1868 ch al dş:
Sciss: sugo di letame. Nei nostri letamaj, oltre la buca del letame, abbiamo quella del "sciss" o "scisso", cio della scolatura di esso letame o del succo suo che si vien separando dal medesimo, in ragione dell' acqua che vi sovrappiove o dell' orine che vi si sovrammettono. Siamo poi soliti a riprendere il "scisso" colle pale ed a rigettarlo sull'ammasso del concio per agevolarne la fermentazione. Da tutto ci ne conseguirebbe che noi chiamiamo "sciss", da "scissus", il liquido che si separa o scinde dal letame solido senza cessare di essere esso pure letame, e che per conseguenza il "scisso"  un aggettivo qualificante di letame, e passato da noi a condizione di sostantivo. A rendere poi questo passaggio evidente anche per la sua forma esteriore, invece di "sciss", siamo pur soliti a dire "scissm" o "scissume".
M gh' 'd j ter parr m divrs: Giuseppe Malagoli int al stdi "Fonologia del dialetto di Novellara" scrt int l' "Archivio glottologico italiano" dal 1913 in mz a chiter lavōr al dş che l'arşn "siss" o "ziss" al deşvn dal latin "suctiat" (?) ch' al duvr deşgnr dal latin "sūcus": "succo, liquido, umore", po' in tuscn "succhio".
Giulio Bertoni, simper in sma l "Archivio glottologico italiano" m int 'n t'r artcol: "Per la storia del dialetto di Modena", l' scrt che "siss" al deşvn dal vnet "skitr": "imbrattare detto del pollame", po' "scinto: "sterco di gallina" e "scito": diarrea", "skitr" al deşvn dal gtic "skitan: imbrattare", al longobrd dal period ed l'lt tedsch ed mz.

Stablr
Stablr al deşvn dal latin "stabilio": "consolidare"; da cst deşvn "stabĭlis": "stabile" e da cst "stabilire": rendere stabile, fissare un oggetto in modo che resti saldo .
Da "stabilis" a deşvnen nca al parli italini "stabile" e "stabilire" m incō al dō parli gh'n un significht un p divrs.
Pianigiani al dş:Stabilire: fars si che una cosa stia ferma e non vacilli, da "stabilis" fermo e questo da "stare": rimanere saldo.
Vincenzo Martelli (1509-1551) int al lber "Rime e lettere" dal 1563, publich dp la s mrt, al scrv: Stabilire importa: statuire, deliberare, ordinare, deputare, assegnare; stabilire dicesi pure l'intonacar de' muri, o d'altro.

Vocabolri

Prma prt