Lurgin d la parla...

(prma prt)

Casella di testo: Anciva
Anciva: "acciuga",  fōrsi dal cataln "anxova" o dal spagnōl "anchoa" ch'al duvr deşgnr dal latin cumn "apiua" o "apiuva" o "apua" dal grēch "aphē": nm 'd un ps cch.

Bldegh
Bldegh: "solletico", l' 'na parla ch' an sa mia d precş da d la deşvgna e dimndi discsa da i competint, qundi tnt j n al spiegasiun, m cla ch'la mt pi 'd acrdi l' cla ch'la dş ch' al psa deşgnr dal latin "di-leticare" ch'la gh'  l ists significht ed l'italin "solleticare" ch'la fa pinsr al vrob comn "leticare" un  a 'l znti davnti "di" e "sub" al duvr deşgnr dal latin "titillare/titilleticare" dal  vrob "titillus":"solletico", p atravrs a cl che vn dp "subtitillicare" che cun al tj ed la slaba "ti" e cun al scmbi dal dō che vnen dp al dvinta "sub-liticare" p "subleticare", dedch parts la trasfurmasiun per rivr a l'italin "solleticare".
A smbra che da "subleticare", cun la prdita ed la slaba "su" al dvinta "bleticare" e dedch "belletiche" p "bletiche"  a deşvgna al nster "bldegh".
Lodovico Antonio Muratori  al dş: Ma comunque sia scura l'origine di questa voce de' Toscani, certamente possiam subodorare onde i Modenesi abbiano ricavato "fr le bletiche", e "bleticare", lo stesso che "titillare". Il Latino "vellicare" signific pizzicare: il che leggermente fatto vuol dire "solleticare". Forse se ne form "velliticare" frequentativo, mutato poi in "belliticare, bleticare" de' Modenes.
Galvani al precşa: " ossia quello scorrere leggere delle dita sulle parti del corpo meno use a contatti, che produce una sensazione convulsiva".

Catr
Catr: "trovare", al deşvn dal latin "accaptāre" ch' al deşvn da "captāre": cercare di prendere, tentare di afferrare, dal vrob "capto".

Cio
Cio: "ciao", al gh' urgin dal dialt vnet ch'l' va trasfurm la parla "schiavo" dal latin bs "sclavus" in "s-ciao" o "s-ciavo" che dp int al cōrs di scol l' st adot da la lngua italina trasfurm int al "ciao" dal d 'd incō.
In urgin "s-ciavo" al ghva al significht ed "schiavo suo", opr "servo vostro".
Per la parla "sclavus" la ns da 'na stria incra pi lunga ch'la gh' urgin qund i longobrd, i frnch, i gt e i vndel n bandun 'l pianri 'd la Germgna per migrr vrs mezd. St 'l pianri n stdi p ocupdi dai şlv, j abitn 'd la Slovenia. Dp che i bber, timp dp, n turn a cunquist, cun la frsa al pianri,  i slv n st ft perşunēr e p schiv, cla schiavit l' stda tnt catva ch'l' pasda int i provrbi e, int al XIII scol crca, dal latin  salt fōra la parla "sclavus" (schiv apnt) ch'l tt al pst ed "mancipiu"  (dedch a deşvn la parla italina  "emancipare"). Int al sts timp int al grēch a slta fōra la parla  "sklavos" ch'al vōl dr srov, schiv. Al dō parli "sclavus" e "sklavos" a deşvnen tti dō da la parla "slavo" e mia a l'arvrsa.

Deşdres o şdeşdres
Deşdres o şdeşdres: "destarsi", a vōl dr alvres da lt o şvelires int al sins de şmumires, al deşvn dal latin comn "de-excitare", dal latin uficl "excĭtāre" da "excĭto, excĭtas, excitavi, excitatum, excĭtāre ": "svegliare, destare, far alzare in piedi, invitare ad alzarsi", difti "somno excitare" a vōl dr deşdres.

lbi
lbi: "abbeveratoio per  bestiame", dal latin "albius": "recipiente" da "alvĕu(m)/ alvĕus ": "vaso e qualunque recipiente concavo, tinozza, bacino, vasca da bagno".

Fs'c
Fs'c: "fischio",  dal latin brber "fisc'-lare" per "fist'lare" tj 'd "fistulare", da "fistula": "flauto, zampogna, fischietto", l' nca 'l nm 'd un gner ed pva dal carnēr fta 'd canci.
Int  'n' antga frş longobrda a 's pōl lēşer: "fistula vulgo fiscla dicitur".

Frigand
Frigand: "fricand", stract ed nōşa 'd vidl inlard, al deşvn da "fricasser": cōşer in fracasda, ft da "frir": frzer e "casser": rumper, al dşvn dal latin comn "fricare": frzer, cun la raşa ed "frica" da "frigere": rustr, dal latin uficl "frixura": fritra. In arşn al vn druv nca per dr 'd un pasts grs o 'na cunfusiun grsa: "l' tt un frigand".
	
Gngna
Gngna: "cuticagna, collotola, pelle della nuca; zazzera sul collo; apatia, abulia, indolenza, svogliatezza; lagna, piagnucolio; nome del frutto del gelso".
L' 'na parla ch' l' arf al lamint 'd n ch'al gh' la frēva o cla 'd un ragasl pina n.
A gh'n l'istsa urgin nca:
- Gnagnn: babbeo, balordo, grullo;
- Gnagnra: persona tediosa;
- Gnagnta: febbriciattola;
- Gnagnun:  piagnucolone;  fiaccone,  indolente,  sfaticato;         cappellone,  zazzeruto
A smbra che tti sta 'l parli a deşvgnen dal vnet "gngnara": 'na frevina ch' la d sfinimint, fica e sunlra.
Galvani int al s vocabolri l' scrt: Gngnra: febbricciatola di poco rilievo ma che vuol essere crogiolata in letto perch non immaligni

Gramustin
Gramustin : "vinacciolo, granellino che si trova negli acini dell'uva, seme della vite". Fōrsi dal latin "grani mustum acinus": grn ed l'va da vin, cun i tj: "gra(ni),  must(um),  (ac)inus" →"gramustinus"→ gramustin.
Galvani al scrv: Deriva dal latino "granum musteum": grano del mosto. Dal "vinaceum" latino nasceva "vinaceolum", donde il vinacciolo Toscano, e il Modenese "vinazz". "Vinaceum" era per un aggettivo sostantivato e che si compieva dicendo: "granulum o granum" vinaceum. Noi, mantenendo la composizione, ed osservando che il detto granello  cosa piuttosto del mosto che del vino, lo chiamiamo "granomostino", e, per attrazione della "m" susseguente "grammostino", come chi dicesse: "granum musteum".
Antonio Vallisneri al dş: Acino-acinus.Viene inteso per quel semino legnoso, che st dentro la grana dell'uva. I lombardi lo chiamano "gramostino" quasi "granello piccolo". Altri l'intendono per ogni sorta di duro seme, che dentro le frutta si chiude.

Incō
Incō al deşvn dal latin "hinc hodie"ch 'a vōl dr: "proprio oggi/in questo giorno". Al md ed dr latin "in hoc die" a smbra ch' al 's sia şbragh in d, cun al dr urgin "hoc die" a la parla italina "oggi" e cun la prma prt "in hoc" al misteriş incō cme qu, quşi cumpgn, ed ch 'j ter dialt ed l'lta Itlia.
Casella di testo: In d'avş
In d'avş: "dell'avviso"; druv int i md ed dr:
ser in d'avş: "credere, ritenere, presumere, sembrare, supporre"; 
A m in d'avş: "mi pare, mi sembra, ho l'impressione"; 
A m gnn in d'avş: "non mi preoccupo, non mi crea problemi, non ci penso proprio, faccio finta di niente, non me ne importa niente".
Al md gist de scrvrl l': "in d' avş" che, sia int al scrt che int al parl, desps al vn cambi in: "indivş" o "indevş".
Avş: al  duvr deşgnr da "a vis" dal md ed dr dal franciş antgh: "ce mest  vis" = "mi sembra"; ch' al duvr deşgnr dal latin "vīsus": "sguardo, occhiata, visione, apparizione, spettacolo, aspetto, apparenza"; particpi pas dal vrob "vidēre": "assistere a, essere testimone di un evento, provare, fare esperienza". 

Lcit
Lcit: "lecito", ch' al deşvn dal latin "licet": lecito,  permesso, ch' an vl mia dr bgn o cso m " permesso, si pu". Al latin "licet" a 's druvva nch int al rispsti ch'al vrva dr "s va bin" .

Magnn 
Magnn: "magnano, artigiano del ferro battuto; calderaio, ramaio"; urgin mia sicra, chi ds ch'al deşvgna dal latin "manianus" da "manus":" mano, colui che lavora con le mani"; chi da la parla tajda "mach'na" dal latin "mchina" p "machinanus", "mach'nanus": "l'uomo della macchine, artefice", po'cun un significht un p pi strch: "fabbro ferraio, calderario, chiavaiuolo, quello che fa lavori minuti".
Galvani int 'na s ltra al prla tnt dal "magnn" e tra chiter lavōr al dş:
Nel Glossario Romano del Roquefort troviamo che in antico francese Magnan o Magnien valeva chaudron, e che pass poi a significare chaudronnier dal grido: magnan, magnan (cio, come noi diremmo, parletta, parletta) con che si annunciavano i calderaj ambulanti.

Nna
Nna: "sonnolenza continua, torpore".  Al deşvn da la spartisiun dal j ōri ed la giurnda ciamdi "ōri cannichi". La nna ōra la caschva vrs al tri dal dopmezd dal d 'd incō, gist int al mumint ch a 's cipa la sunlra dal dp dişn.
Nna l' nca 'l nm ed 'na malatia che in italin la vn cianmda "encefalite letargica".

Nsi
Nsi: "nscio, ignaro, inconsapevole". La parla la vn druvda cun aft e da amgh. La deşvn dal latin "nescius": "ignaro, inconsapevole;  inesperto, ignorante, non partico; incapace, che non pu, che non  in grado di fare qualcosa;  sconosciuto, ignoto".
Pianigiani al scrv: nscio o nsi dal latino "nescius": che non sa; composto da "ne": non e tema di "scire": sapere. Formula famigliare che di adopra con il verbo "fare": "fare il nescio" per dire ad alcuno che ostenta di non capire

nzer
nzer: "ungere", dal franciş antgh "oigner" ch'al deşvn dal latin "unguere": "ungere, spalmare, cospargere o profumare con unguenti".
M "nzer" in dialt al pōl avir nca 'n ter significht cl che in italin l' "corrompere" cst al deşvn dal ft che al timp di dsi j eşatōr a gh'ven l'abitdin 'd infilr un bastun cun la pnta int tt i sch che, in sma a i cr, andven in sit, per asicurres ch' an gh fs lugh gnnto 'd dr. Se i gablin ēren st cumpr, a fven blişghr la mn in sma 'l bastun cme 'l fs e-st bznt, cun cst a fven fnta che 'l bastun l'ands dinter int al sch sinsa fadga.

Prsia
Prsia: "premura, fretta"; al deşvn da l'antgh regionl "prscia": "fretta", dal latin "pressare" da prĕmo" (prĕmis, pressi, pressum, prĕmĕre): "opprimere, incalzare, spingere, inseguire", da d deşvnen nca 'l parli italini "premere, premura".
De Mauro int al s vocabolri al scrv:
prescia sec. XIII-XIV; dal latino *prĕssĭa(m), derivato di pressāre "premere". Regionale  centromeridionale. Fretta.
Int la tradusiun dal latin ed "L'asino D'oro",  ed Lucio Apuleio (125  170 circa),  Agnolo Firenzuola (1493 1543) (la tradusiun la vn publichda int al 1863 dp la s mrt), al drōva "prescia" in cl pasg ch: []con un maligno riso salutandoci, un di loro ci disse: E dove sete voi avviati con tanta prescia, or che egli  di notte?

Pchr
Pchr: "beccaio, macellaio", dal latin medioevl "beccarius" che smbra ch' al deşvgna da la parla gl/cēltica "bac" mō la smbra pi aşvin al tedsch "bicke": pnta. Da "bike" a deşvn nca al nm dal bch: "becco" 'd j uşē e tti 'l parli che deşvnen da bch.
Da la parla latina a deşvn nca al nm in italin dal mas'c ed la chvra "becco" (al noster brch) e al "beccaio" l'ēra al cl ch' al masva e al vindva la chrna dal brch ch' l'ēra l'nica chrna ch'la gnva druvda int al medioēv.
A gh dal parli cun l'ists significht in franciş: "boucher"e int l'antigh spagnōl: "buchin".
Dal vocabolari franciş: "Ortolang": Bouchr:  rapprocher du lat. mdiv. *buccarius (buchariorium en 990 dans Nierm., s.v. bocharius), cf. l'ital. beccio  boucher  dr. de bcco bouc .

Quistr
Quistr: "acquistare (diritti, meriti), migliorare"; dal latin "acquīrĕre" da l'uniun ed "ad" e "quirere": "cercare, cercare di avere", da l' infint presint 'd "acquīro: acquīris, acquisivi, acquisitum, acquīrĕre": "acquistare in aggiunta, accrescere, procurarsi, guadagnare, arricchirsi".

Rchia
Rchia da rechir: "requiare, trovare riposo"; dal latin "requies".
 Pianigiani l dş: composto dalla particella "re"in senso di frequentativo e quindi intensivo e "quies": quiete, riposo.
Int al Vocabolri 'd la Crsca dal 1729 a gh scrt: Requiare: posare, rifinare, quietare, aver requie. Latino: quiescere. Greco: παύεσθαι.
Cevolani int al "Vocabolario etimologoco del dialetto modenese" al scrv: la parola "requie"  stata per secoli nella bocca del popolo attraverso la preghiera "Requiem aeternam". In latino esistevano le parole "requies" e "quies", ed  curioso notare come l'italiano abbia fatto riferimento alla seconda (quiete) ed il dialetto alla prima.

Rfa
Rfa: "riffa", loteria privda cun in prmi un qul  ed valōr; rfa al deşvn dal spagnōl "rifa" che vōl dr loteria m in cla lngua a vōl dr nca prepotinsa.

Vocabolri

Secnda prt