La Maşun

 

La Maşun l' a crca sē chilmeter dal cinter ed Rz a matina insm a la Via Emlia dp Sn Mavrsi vrs Mdna.

Int al 1010 al pst a gnva ciam Treşnra (dal latinn Trexinaria) perch l al turint Treşnr, ch' al rivva da Felghra Sabiun Runcadla, al traversva la Via Emlia.

Al nm dal d d'incō al duvr deşgnr dal latin ''mansio-onis'' frsi per dr un pst in dve la gnta la 's fermva a 'd arpunsres, presint fn da l' poca rumna, ind al s pst a gh' p st ft un uspsi religiōş.

La cēş e l'upsdl n st vr da Giovanni di Bernardo Normanno ed Rz. n st tir s int al 1133 crca, la cēşa che adsa l' dedichda a Sn Jchem Magiōr l' stda cunsacrda ind l'ists n.

Int al 1315 Treşnra l'ēra un cmn e int al 1447 un int al cm nca Calvēder, Marmirōl, e Runcadla. Simper int al 1315 al turint Treşnr a gh'n ft cambir strda e l'n ft andr a finr int al Scia a tch a Rubēra.

Int al 1337 l'uspdl al s' es ciamva ''uspdl ed Snt' Ilri ed Treşnra'' minter int al 1487 l' ciap al nm ed ''San Bove ed Vughēra''.

In un documint dal 1458 a vnen cit ind la zna 'n uspdl, un pnt e 'n' ustara.

Int al 1789, ind al period ed la Repblica Cişalpina, la Maşun l'ra unda a Rz, l'n dōp l' stda divşa in dō prti: 'na prta sta Sn Martin Grnd, e cl'tra sta Rubēra.

Int al 1805 la Vla la vn unda incra e msa st a Marmirōl, dş n dp, int al 1815, l' dvintda per simper frasiun ed Rz.

 

Al cavalr Girolamo Tiraboschi ind al s ''Dizionario topografico storico degli stati estensi '', publich int al 1825 dōp la s mrt, al prla dō vlti ed La Maşun la prma a prupşit dal nm e al scrv:

 

''...la Villa situata sulla via Emilia quattro miglia a mattina di Reggio chiamasi ab antiquo semplicemente Tresinara, nome o preso o dato da lei al Torrente, ma oggi chiamasi Masone perch prima del 1350 era ivi una Mansione (Maison) dell'ordine Gerosolimitano. La villa di Tresinara e' nominata in una carta dell'anno 1010''.

 

Ind la secnda prt al prla a prupşit ed la cēş e 'dl' upsdl e al dş:

 

'' ...nell'archivio della Cattedrale di Reggio conservasi un bel documento della fondazione e consacrazione di questa Chiesa circa l'anno 1133. Un Cittadino reggiano detto Giovanni di Bernardo Normanno, volendo fabbricare una chiesa e uno spedale a onore di Dio e della B.Vergine e del S.Sepolcro detto Tricenaria e avendo a' Canonici di Reggio comunicato disegno, questi pregarono l'arcivescovo di Ravenna Gualtieri perch ne benediicessa la prima pietra e ne consacrasse l'altare.E questo forse quello Spedale che indicato in una carta del 1302 Fr.Johannes Preceptor domus de Tresnaria.

 

La cēşa

Vli e frasiun