Bgn

 

L' crca a 11 chilmeter vrs Mdna tra la Masun e Rubēra.

Al nm Bgn, int di timp antgh ''Baneo'' o ''Balneo'', al deşvn dal latint ''balneos'' (bgn) e cst perch ind l' antichit st pst l'ra pantanōş.

Cme rişlta da 'na bla ed ppa Stefano IX int al 1057 al cunvint ed Sn Prsper l' properietri ind la zna 'd un ''maso'' osja un st, minter la cēşa e la cōrt a rişlten properiet dal Vschev ed Rz.

Int al 1123 ind al pst a rişlta nch un uspdl e 'n oratōri un dp a la Pēv.

Int al 1315 al teritōri al dvinta un cm lber, ind al ''Lber di fōgh'' al ''Commune de Bagn''

a rişlta 48 cp famja ed csti 41 de mzder e 7 ed sitadin.

Al Castl ed Bgn al vn prma d da i Muti ed la Gazda a i Fogliani p al Stt ed la Cēşa e a i Gunşga ind al 1336 m ind al 1341, turn in mn a i Fogliani, al vn but z insm a la csa, da i Boiardi in gura cun i Fogliani.

Int al 1361 al Vschev al d al Castl e la Cēşa, arft, sta al fdev dal sgnōr ed Rz Feltrino Gonzaga.

Dp dal pasg ed Rz sta a i Visconti nca Bgn al f l' istsa fn per p pasr sta a la sgnuria 'd j Estins.

I Dca d' Este a psen Bgn sta a Rubēra cme frasiun . Al timp ed la Repblica Cişalpina al dvinta, int al 1801, Cmn sta al distrt de Scandin insm a Curtsla e al prti a mezd ed la Via Emlia ed Marmirōl e 'd la Masun. Al timp dal Rgn Itlich, 1805 crca, l' dvint cmn cun Rucadla, la Masun e Marmirōl. Dōp al ritōren, ind al 1815, dal Dca ed Mdna al gvren, insm a Curtsla, al vn incra un e per simper a Rz.

 

L' Uspdl ed Bgn

 

Fn almēno dal 1183 a gh'ra a Bgn un uspdl dedich a Tomaso ed Cantorbery. An s ma cme l'ēra gvern, m int al 1282 l'ēra tgn da i fr ed Frasinr m al Retōr al gnva numin dal Vschev ed Rz ; e che int al 1439, qund muns. Francesco Fogliani Cumisri e Vişitadōr generl a nm dal vschev Giacomo Antonio Masolini, l' and a Bgn la Pēv e l' Uspdl ēren un sta al gvren ed Biagio ed Sit Castl.

Pi trdi i frad Boiardi a tulven al Patront cun l' apg dal Vschev e Carlo Boiardi al vn arcgnus retōr e aministradōr ed l' Uspdl, cun al dirt ed pasr al ttol a i s erdi ms'c.

Ind al 1456 ppa Callisto III l' apruv la decişiun dal vschev e ppa Pio II al 3 ed stmber 1458 al l' cunfermda cun 'na Bla ft fr al Legh ed Bolgna al 17 'd utber ed l'n dp. (Archvi Veschvl).

Ind la vşita pastorla ed l'uratōri ed l' uspdl, fta al 7 ed zgn 1676, a 's lēz che al Dut. Girolamo Corradini, nbil arşn e cregh, dp avir vst l'uratōri vc e in ruvna, l' urnd cun tstamin, 'd arfrel. A testimunir al restver st ft 'n inscrisiun tta s dal Funtaniş in dve a gh'ra scrt:

 

Divo Thomae / Cantuariensi quod / olim dicatum est / Hieronymi Corradini / pias referti / anno Do(mi)ni MDCLVI / Octavio Boiardo / patrono annuente

 

(osja: "L'Uratri 'na vōlta dediche a Sn Tmş ed Canterbory l' st arft da devosiun ed Girolamo Corradini, ind l'an dal Sgnōr 1656, cun l'acōrd dal patrōn Ottavio Boiardi")

 

Derst n st i Retōr ed l' Uspdl al prm l' st, int al 1436, l' arsiprt Biagi ed Sit Castl e l'ltem l' st Giuseppe Laurenti Boiardi int al 1799.

 

La cēşa vcia

 

In un documin dal 1191 ed l' Archvi Capitolr dal Dōm a rişlta che al veschev Adalberio l' cunsacr vrs al 1160 la cēşa ed Bgn frsi la prma che st ft ind al teritri.

Int al 1341 cme j m vst ind la gura cun i Fogliani i Boiardi a l' n bruşda insm al Castl.

Un scol pi trdi, int al 1439, la cēşa l' ēra acs puvrta ch' l' an ghva gn al cordo ed sagrstia. Al Vişitadōr muns. Francesco Fogliani an gh' cat che:

 

'' quattro tovaglie grandi per altare, quindi un antifonario antichissimo integro, un libricino sul Corpo di Cristo, una tinozza della capacit di 40 solea, tre vasi della misura di 28 (solea)".

 

Alōra la parchia, na dal pi rchi ed la diceşa, la dva un rdit ed tersint ''Ducatun'' d'alōra.

Int al XVI scol la parchia l'ēra gvernda da i Prolati che n mai st a vişitr la cēşa cl' ra tgnda da un capln.

Prma che al Cucli ed Trento (1545 1563) al mts a pst al rgoli dal Clro an n'ra ma d' bligh che al proch al sts ed c ind la s parchia.

La vcia cēsa ed Bgn la duvva ser a la buna fta da 'na navda cun al cro quadr e d altr pug atch al mr ind la prta pi aşvin al presbitri.

Ind al prma met dal XVI scol st ft al cro a vintj, n st zunt d altr e şlungh la navda.

Int al 1652 al cardinl vschev Rinaldo d' Este l' urdn che la cēşa la gns alvda e restarvda e ind al 1655 a s' incuminc i lavōr.

Int al 1680 la cēsa la gnva cuntda acs:

 

"La Chiesa dedicata a Giovanni Battista, ed sopra la strada Emilia in distretto di Rubiera, un quarto di miglia. E' Chiesa anzi grande che piccola d'una nave sola. Ha dalla parte dell'Evangelo dell'altar Maggiore una sagrestia nuova in volta e dall'altra parte di detto Altare Maggiore e il Campanile con due campane e ,sotto il Campanile, la sagrestia vecchia commune. Dir l'altar maggiore vi il Coro coi suoi sedili di noie all'intorno. Ha il fonte battesimale all'entrare per la porta maggiore nella Chiesa a man destra. Le porte della Chiesa laterali sono tre: una sbocca ne1 Cimitero verso mezzogiorno, un'altra a settentrione da ingresso alla Canonica the e con:cicala alla Chiesa, e la terza quella per cui dal cortile si entra alla sagrestia nuova. Le finestre della Chiesa sono cinque, oltre i tre occhi alle tre Cappelle nuove, quelle della sagrestia nuova due con un finestrino al luogo della preparazione una finestra alla sagrestia vecchia. Sonovi nella Chiesa due Sepolture communi, ma una di esse st chiusa dall anno 1630 in qua, perche vi furono seppelliti alcuni che erano morti di contagio Altre quattro sepolture vi sono di famiglio private

Gli Altari delle Chiesa sono sei, compresovi quello della Sagrestia nuova cinque dei quali hanno le loro Cappelle, il sesto, che della famiglia Chielli e appoggiato al muro laterale della Chiesa e con un baldacchino di tela vecchio sopra''.

 

La cēşa nōva

 

La cēşa ed Bgn l' fōrsi na dal pi bli csi ed la Diceşa. L' stda fta fr a prpri spişi da Francesco Montanari ciam Montanarini. An 's cgns ma ed precş al nm ed l'architt ch' l ft e proget la cēşa, nca se da di documint ed l' Archvi de Stt ed Rz a rişlta ch' l' st al 'sts Francesco Montanarini, nom d'rt Montanarini, ch' a l' disgnda e progetda.

Montanari in 'na ltra a un s amgh al scrv acs ed la cēşa:

 

"Li 8 ottobre dell'anno 1717 si pos da me solennemente la prima pira della mia Chiesa, ottenutane prima l'opportuna licenza dalla fe. me. di Mons. Picenardi allora nostro Vescovo.
La Porta maggiore di Chiesa posta verso tramontana. La Pianta n sesangolo che forma sei Cappelle, una delle quali prolungandosi forma il Presbitero ed il Coro, e l'altra all'incontro serve d'ingresso. E verissimo che dall'una o l'altra parte dell'ingresso vi sono due Capellte, una delle quali dove servire per il Battistero e l'altra per ora non derminata ad alcun uso.
Il volto della Chiesa rotondo o emisfero, che per ha del Longo o del dritto nella sua alzata. Il diametro di questo Bacile e di . 28 e nel mezzo di detto Bacile evvi un lanternino la di cui apertura e di . 6 e l'altezza di . a dieci, in esso vi sono Sei finestre.

Il Capitello il cornicione sono d'ordine Ionico e la base e Atticurga (?) Circa le misure posso io dirle come sono. Dalla porta maggiore sino al fondo del Coro sono . 57 1/2. Le Cappelle sono larghe . 13 e incassato . 5 1/2.11 Presbiterio e lungo . 12 il Coro . 11 1/2.

Le Collonnate del pavimento, compreso il cornicione, sono , 18, dal cornicione alla cima degli archi sono . 8, dalla cima degl'archi sino al piano del cornicione della Bacilla sono . 4, da detto piano sino all'apertura del Lanternino sono .. 17, e da apertura sino alla maggiore altezza sono . 10, che in tutto vengono a dare la altezza di . 57.

Circa il costo posso dirle che costa molto, ma come io non ho tenuto alcun conto di questo, cosi nemmeno posso dirlo a V .

Bagno li 23 feb. 1728

D. Franc. Montanari. ''

 

La cēşa l' p stda cunsacrda al 20 ed zgn dal 1738 dal muns. Ludovico Forni, l' steda dedichda a la Nativit ed Giovanni Battista e prpria in cl d l l'ēra l' aniversri, minter la vcia cēşa a smbra ch' la fs dedichda a la Decolasiun ed Giovanni Battista.

Montanri l' ft nca la bla tra dal campani e 'na prta ed la Cannica.

Al snch grsi campni n stdi dundi da Giovanni Domenico Gagnoli.

Insm a tti al campni a gh' ra scrt:

 

''la Anno Salutis MDCCXCIII

Sanctus Deus sanctus fortis sanctus immortalis miserere nobis Joannes Dominicus Cagnoli Archipresbiter Fratres Riatti Regienses fecerunt''

 

(osja: ''n ed Salvsa 1793

Snt Dio, snt immortl, bi mişericrdia ed nuter. Giovanni Domenico Cagnoli. J n ft i frad Riatti'')

 

La Pēv ed Bagn

 

'Na cēşa cun al ttol ed Pēv l' numinda a i prm ed l' XI scol. Tt i dirt dioceşn e fevdl insm al Pēv, cumprişa cla ed Bgn, ēren in favōr dal vschev ed Rz, cst l' st cunferm ind i scol gn dp da i ppa Lucio II int al 1144 e Eugenio III int al 1146, j imperadōr Federico I int al 1160, Enrico V int al 1195 e Federico II int al 1224.

La Pēv ed Bgn la dva un bun e rch benefsi la gh' va in dta tri grsi posesiun e un pr ed 555 bilchi arşni che dven 'na rişa ed:

 

282 Ducatun int al 1543;

500 Ducatun int al 1575;

1470 Ducht ed Mdna int al 1652;

1250 Scd int al 1680;

700 Ducatun Rumn dal 1738

 

Per cōlpa de st buna rişa i destinatri ed tt sti sōld ēren di grs persong cme vschev e Cardinl che n mai and a tgnr in pē la cēsa m la lasven, cme a gnva dt alōra, in Comnda.

Prma dal Cuncli ed Trento a tgnr s la cēsa a gh'ra un Retōr m la rişa l' andva a un ter fruturi. Dōp al Cuncli st situasiun l' finda e la risa ed la Pēv la gnva druvda a paghr la pensiun a i vc proch.

Per esimpi int al 1652 a gh' ēren da paghr 150 Dpi de Spgna a Giuseppe Fontanelli, 400 Ducht mudniş al cnt Alessandro Rangone, 40 Scd ed la Cmbra apostlica a Giovan Battista Sacchi.

Invēci int al 1703 a 's paghva ed pensiun 100 Scd a n, 80 Ducatun d' ōr a n'ter, 25 Scd rumn a n'ter incra.

Dal XII scol al d d' incō in st 47 i Retōr ed la Pēv ed Bgn. Al prm, ch' l' vst cunsacrr la prma cēşa ed Bgn, l' st al prevst Alberico dal 1142 al 1160 e l'ltem ch' l' Don Roberto Bondioli elt int al 2007.

Al teritōri sta la Pēv ed Bgn l'ēra cl che adsa l' al teritōri dal parchi ed Marmirōl, la Masun, Sn Mavrsi, e Sn Dunin ed Ligria a Castlarn.

n stdi dipendinti ed la Pēv ed Bgn fn a 12 cēşi

 

 

Vli e frasiun