Lezione 10 - Lesiun 10

 

Lezioni

GLI AVVERBI

Sono parti invariabili del discorso che modificano il significato del verbo, del nome, dell'aggettivo e dell'avverbio a cui si riferiscono. Si suddividono in:

 

Avverbi di modo:

es.:
bs, lt, luntn, ml, bin, adşi: basso, alto, lontano, male, bene, adagio,
gentilmint, gentilmente.



Avverbi di tempo:

es.:
prma, dp, incō, iēr, dmn, mai: prima, dopo, oggi, ieri, domani, mai,
ads, simper, subt, incra: adesso, sempre, subito, ancora,
alōra, desps, prst, trd: allora, spesso, presto, tardi.


Avverbi di luogo:

es.:
dinter, fōra, avşin, luntn, gh: dentro, fuori, vicino, lontano, ci / vi,
davnti, dedrē, sta, sōvra, ch: davanti, dietro, sotto, sopra, qui,
l, s, z, l: l, su, gi, l.
dve: dove (1)

 


Avverbi affermativi:

es.:
s eşt, gist, sicr: s, esatto, giusto, sicuro

 


Avverbi dubitativi:

es.:
probabilmint, fōrsi, chis: probabilmente, forse, chiss,
quşi: quasi.



Avverbi quantitativi:

es.:
dimndi, pch, trp, tnt, gnnt: molto, poco, troppo, tanto, niente,
almēno, quşi, mēno: almeno, quasi, meno.

 


Avverbi negativi:

es.:
no, gnnch, ma: no, neanche, mica,
mai pi: mai pi.

 


Avverbi conclusivi:

es.:
insma: insomma.

 


Avverbi indicativi:

es.:
co: ecco.



Avverbi comparativi:

es.:

cme: come.

1) L'avv. "dove", oltre che "
dve", si traduce anche "in d - in d' " in casi come: "in d l?, dov'?" e

" in d vt? - in d' am pr, dove vai? - dove mi pare".

Grammatica

Prima pagina