Al vc cunvint ed Sn Prsper

 

Al vc cunvint ed Sn Prsper

e la cēşa di Strin

(Mpa Camuncoli XVI sc.)

(Arch.de Stt ed Rz)

L' antgh cunvint al cipa al nm dal snt prutetōr ed Rz Sn Prōsper perch int la cēş a gh' st supl al s crp pr un bl p 'd timp.

A l'insi in cl pōst l a gh'ēra sōl 'na cēşa dedichda a Snt Apollinare in d dinter gh'ēra ble i cadver di Snt Venerio l'Eremta e Giocnda, a dşen, sculra ed Sn Prsper. A la mrt dal vschev Prsper, al 25 ed zgn dal 466, nca al s crp al vn supl in st cēşa, che, s cnta, la sa stda fta tirr s da l.

Ai prm dal 700 al vschev Tomaso (vschev ed Rz dal 701 al 704 crca) l'arf dal tt la cēşa ed Snt Apollinare che dp al la ddica a Prsper, int al minter dvint snt, m al cunvint al vn mia ft fr da l.

Camillo Affarosi, fr benedetin ed la cungregasiun Casinş (Montecassino), fr dal cunvint ed Sn Pēder e Sn Prsper ed Rz int al s lber ''Memorie istoriche del Monastero di San Prospero di Reggio'' dal 1733, al scrv:

 

Pongasi dunque per certo che il detto Vescovo Tommaso fondasse bens la Chiesa, o sia la Cattedrale di San Prospero fuori di Reggio, ma non gi veruno Monastero nella qual chiesa con pi decoro facesse riportare le reliquie del Glorioso San Prospero, della qual Traslazione si fa menzione nel MS Pragense al giorno 24 Novembre 703. Come dagli Atti de' Santis presso i P.P. Bollandiani: dal che si vede che questa la vera Traslazione, della quale si sempre fatta commemorazione dalla Chiesa di Reggio

 

Secnd cl ch' a vn dt, int al 962 int la cēşa ed Snt Prsper (cla che 'na vlta l'ēra dedichda a Snt Apollinare) a trapna 'd l'cva, al vschev Emeraldo, al fa spustr l'arlqui dal Snt int la catedrla ed Snta Maria (al Dm) int al cinter ed la sit, minter a vn tir s la cēşa dedichda a Prsper ciamda p "Sn Prsper ed Castl" o dinter al mri.

Csta la vn finda int al 979 da cl ch' gn dp ed l al vschev Tenzo (Tenzone o Teuzone) (vschev ed Rz dal 978 nal 1030) e cunsacrda da ppa Gregorio V int al 997 ed pasg, per chş, da Rz dirt a Pavia.

M Camillo Affarosi simper int al s ''Memorie istoriche del Monastero di San Prospero di Reggio'' al dş, cun dimndi documint in mn al cunvint e t ed divrs ppa, ch' an n' mia vira e che i cadver di snt Prsper, Venrio, Giocnda e cla, zuntda dp la s mrt, dal bet Tommaso n armş int la cēşa dal cunvint fn al 1510, n ed la zachda a tra ed la cēşa, e spustdi in cla ch' la sr p dvintda la cēşa di Snt Pēder e Prsper. Al snti alrqui a vnen p separdi al 16 ed novmber 1601: na, cla ed Sn Prsper, int l'arnuvda (1514) başlica ed Castl. Al j tri, cla di snt Venri, Gicnda e dal bet Tomaso int la cēşa di snt Pēder e Prsper (ciamda da j arzn sōl Sn Pēder). Cst dp 'na bla dal fervr 1595 dal ppa Clemente II ch' la mt fn a st scol ed batli, quistiun, ingiri e dispt tra i fr dal cunvint e i cannich ed la colegda ed Sn Prsper dinter al mri ch' a quistiunven insm a chi gh'va l'arlquia dal snt prutetōr.

Tenzone, ch' l' vr tirr s al cunvint ed Sn Prsper, l' st un vschev atv dimndi: l' turn a fr la başlica ed Sn Tmş, tirda s a i prm dal IX scol (pi o mēno int la zna dal vc Tribunl ch'la dva int la piasta Scapinelli dal d 'd incō) butda z da j ngher; l' tir s al cunvint di snt Vito e Mudst int la zna de Scansn (incō l' al dal Sgnōr); a la cēşa ed Sn Prsper ''Extra Moenia'' al gh' zunt la cannica e al cunvint (tt l'impint cun la tgnda l'ēra pch fōra Prta Sn Nazri, a la fn ed vil Allegri int la zna tra via Guido Riccio Fogliani e vil Regina Elena dal d 'd incō), j ltem lavr ed costrusiun dal Cunvint n fin da Giovanni III ab elt int al 1181.

Ed la costrusiun dal Cuvint as gh' pchi nutsi, a smbra che int al 990, nca se mia fin, a ghe sts ble un grp ed fr benedetin Casiniş, che deşgnven dal cunvint ed Muntcasin.

In un documint dal 1006 as prla per la prma vlta dal cunvint: al 16 ed mg Adelberto arsiprēt ed S.Maria e S. Michēl ed Rz, al regla d ps ed tra a la:

Ecclesia S. Prosperi Christi confessori, ubi eius umatum quiescit corpus ubi monesterium est congregatumque dominus Teuzonem, vir venerabile sancte Regensis ecclesie episcopus congregavit, sito prope castro civitate Regio

 

Int al 1102 as mt z la prma prēda ed la tra lta 90 brs (quşi 48 mēter) e a vn pitur al chister ch' l'ēra in d ōrdin.

Al prm ab ch' a vn numin l' Landolfo I int l'n 1004 ch' l' gvern al cunvint fn al 1026.

Int al XIII scol int al cunvint a gh' nca un uspdl e un mulin.

Int al 1280 al compls al pats i prm dn duv a ft militr: cuntrst tr' al Cmn e al Clēro, al vschev Fogliani al mnda 'na scomnica al Capitn dal Ppol e al Podest.

Di nōv dn a rven int al 1345 per mrit ed Filippo Gunşga e incra int al 13 cşva ed Feltrino Gunşga, dp che i Visconti, ed Miln, cun la mra de şlarghres in Emlia, cun l'ajt ed 2.000 prfugh poltich, masmamint rapreşentnt dal famj di Cansa, di Da Curz, di Manfredi e di Fogliano, a tinten 'd ocupr la sit.

I Visconti ferm da i Gunşga a scpen int al cunvint ed Sn Prsper, alōra n di pi impurtnt cunvint benedetin in Itlia cun 'na tra lta che sibin şbasda per vrir ed Feltrino, la zibva 'na buna vsta insm a la Sitadla di Gunşga.

Al 13 ed fervr al cunvint al vn cunquist da i Gunşga cun 1.000 m e, al 16 ed l'ists miş, Feltrino, per rapreşlia al d l'ōrdin ed butrel z e al fa sequestr i bi e i privilg. Prta di rst dal cunvint a vnen druv per la costrusiun ed la rca ed Bagnōl e 'd Bdri.

Int al 1380, per vrir ed l'ab Pietro della Gazzata, a s cumncia a 'd arfr ed nōv la Cēşa e al Cunvint.

Int al 1418 int i documint as prla ed 'na furnş ed S. Prsper prubabilmint l' atch al cunvint.

A i prm dal XVI scol l'ab ed Sn Prsper al gh'va la giurisdisiun insm a tnti cēşi; csti n soqunti ed cli l: in sit cla 'd Ognisnt (fōra Prta Sn Stēven), S. Crōş o S. Biş (fōra Prta Snta Crōş), SS. Nazri e Cēlso (int la Sitadla) e S.Matteo (in d adesa agh' l'Işol ed Sn Rch); int al distrt a gh'ēren al cēşi ed S.Silvster ed Mancaşl, S.Michēl in Bsch, S. Maria dal Purtiōl a Bagnōl, S.Tmş ed Gregh (incō ed la Fōsa), S. Maria e S.Prsper ed Fsol, S.Gilia ed Miliarina, S.Celestin ed Vicozoaro (incō Cadelbosch ed Sōver), S.Maria dal Gualtirōl (Campēşen), S.Fiurintin ed Nuvalra, S.Maria ed l'Ulivēt Muntrch, S.Gervş ed Chiviōl, S.Maria ed In; fra da la diceşa ed Rz: S.Lurins al Sint Crōş, S.Michēl ed Quistl (MN), S.Martin in Strēda (FO), S. Crş ed Mnt Galdella a Vicinsa, S. Maria ed Valg a Veruna, S. Martin ed Revere (MN), e tnti tri.

La tra dal cunvint la vn butda z int al 1510 da Alfnso I d' Este, int la ''tajda'' (la zachda a tra ed tt i stbil int al gr ed 600 mēter dal mri ed la sit) vrda per ragiun ed difişa militra, armgn in pē la cēşa e pchi tri fbrichi ch' a vnen p zachdi dal tt int al 1551 qund a s' cuminc a tirr s al bastiun ed Snta Crōş, che, per la costrusiun, a vnen druv, apnt, i rst dal cunvint.

Insm a i rst ed la tra i fr, spust int al cunvint nōv ed Sn Pēder, ven ms 'na lpida prsa int al 1748, int al s pst a n' st ms 'n tra m l' stda prsa nca csta.

Un p prma 'd ser zachda a tra dal tt la cşa la rişultva ml msa; dimndi impurtnt l'ēra al pavimint a muşich, ch' al gh'va mia sōl 'na funsiun ed belsa m al gh'va un grs significht religiōş: al rapreşentva la ''Bbia di puvrt'' ch'an saven n lēşer e n capr al latin. Cst l' st ruvin insm a la cēşa, m per furtna un prēt arşn l' ft in timp a fr un disgn:

 

ch andva dinter in Sn Prsper fōra dal mri as catva davnti, cme prm lavōr, al lpidi di nbil Tacoli (in particulr Achille), ch'ven finansi la costrusiun dal muşich (la scrta l' 'd finch): chilōr ven pagh ed prōprioa sca la grsa prta dal spişi. Un tet finansiadōr l' stda la famja ''De Sesso''.

A mansina ed l'ingrs a gh'ēra un cavalēr a cavl, a drta 'n' ter cavalēr cun la lnsa e 'na bstia e 'na curnş quadrda cun di uşē, di curnacit, mia a chs un cr riferimint a la famja ch' l' va finansi al lavōr.

Al cinter dal muşich a gh'ēra 'na rōda divşa in tri prti:

in cla pi d'ed fōra, a gh'ēra, cme urnamint, di mutv geomtrich;

in cla pi in cinter, la pi grsa, ēren rapreşent i miş ed l'n atravrs i mistēr ft in campgna (per eşimpi, a setmber as vindmia, a otber as mt via al vin, a novmber as msa al niml);

in cla pi d'ed dinter a gh' ēren sgn i sgn dal strli, in cumbinasiun cun i miş.

Al cinter ed la rōda, a gh'ra un vōd cun 'na lpida (msa dp): prubabilmint prma a gh'ēra al Sōl.

Al d'ed fōra dal sērc a gh'ēra sgn al quter stagiun e i tr cuntinint cgnus alōra: tt cst al vrva dr che Dio al cmnda insm a tt l'univrs.

Qun a s' andva fōra da la cēşa, a se dvven a mansina dal pinti cme mutv 'd urnamin e un m cun 'na lnsa, a drta a un ser orbil a tri tsti: st figri a rapreşentven la lta tr' a bin e al ml.

 

Cm' a l'ēra ft e cme l'ēra ms al cunvint l'al spiga Guido Panciroli (1523 1599), int al lber ''Storia della citta di Reggio'' tradt dal latint al "volghr" da Prospero Viani (1812 1892), int al 1846, in d, a prupşit dal cunvint ed Sn Prsper, al Panciroli al dş:

 

Quell' egregio edilizio tenne, siccome fama, il primo luogo fra tutti i memorabili monasteri d Italia; nel quale, oltre ben molti altri secolari mantenuti a spese de Religiosi, vivevano eziandio ducento monaci ordinati. Quell opera con non minore magnificenza che eleganza costrutta fu descritta in carte, n da passarne sotto silenzio la fino a qui conservata memoria.

Pietro Muti, monaco di S. Prospero, acciocch non perisse il nome di cosi sontuosa fabrica, onde varii religiosi, corsi molte province, dicevano di non aver mai veduto una pi magnifica, ne tramand ai futuri la memoria in un libricciuolo il pi breve che pot descritta. Il quale io trovai a Venezia, e lessi che quella lunga e stragrande machina era distesa a maniera di una citt; n stimai indegno di qu raccontarne fedelissimamente le molte cose ch ivi trovai notate e raccolte:

correvano di qua e di la per lungo tratto alte cinte di muri; e a chi veniva dalla citt dava prima

negli occhi una gran porta che metteva in un ampio cortile: indi dall una e l altra parte dentro l entrata, che gli antichi dicevano adito o atrio, salzava un alto maniere, dove sul levarsi dalcuna guerra erano usati di fare la guardia le milizie per difesa del monastero, e dove in tempo di pace si teneva gran quantita di grano a sustentamento depoveri.

A chi da mancina entrava il cortile safiacciava un magnifico ospizio o foresteria fabricata dalla parte del Convento, dov erano costumati d alloggiare i pellegrini, oin tempo di guerra convenire gli agricoltori .Accoso allo spedale era la chiesa di s. Apollinare, dove un tempo giacque il corpo di s. Prospero, come di sopra feci menzione. Verso occidente dal lato della porta appariva il sontuoso tempio di s. Prospero, alto 90 cubiti; tutta la cui volta o navata poggiata sopra un doppio ordine di colonne azzurreggiava divisata mirabilmente di stelle. Innanzi l altar maggiore, chiuso da una grata di ferro, vedevi lunghi ordini di seggi o panconi meravigliosamente messi a lavori di tarsia, e d'intaglio o scorniciamento. Un lungo muro girava tutta laltra parte dell edifizio; nel cui mezzo una gaja porta rispondeva a un giardino piantato di molti alberi fruttiferi e per ogni dove circondato di frascati amenissimi. Chi poi entrava nel cortile da mano destra s'avveniva in amplissime abitazioni, dentro di cui si tenevano ducento monaci, le quali comprendevano due grandissimi claustri o logge dove, oltra moltissimi ritratti di marmo locati ne' muri, vedevi pure dipinti i fatti di s. Benedetto, varie storie del nuovo e vecchio testamento, e parimente i segni d ogni mese e del zodiaco. Nel primo claustro verso mezzodi, il comizio o sia lo squittino, detto dai frati il capitolo, la cui porta fabricata nel mezzo di pietre arrotate ornavano piacevolmente fogliati rami di vite, mostrava effigiati varj miracoli del Salvatore. Ma sarebbe lungo descrivere le diverse ed egregiamente dipinte camere, gli alti portici, i deliziosi passeggi,i magnifici refettorj. Nel claustro interiore oltre le celle, moltissime incrostate di tavole di marmo, sorgeva un eccelsa abitazione, la quale leggiadramente pitturata e di arrotate pietre fuori rivestita era sostentata nel mezzo da tre ordini di colonne marmoree. Di verso oriente avea due piani dov' erano costruite con mirabile eleganza e proporzione moltissime stanze, nelle quali avrebbe potuto abitare commodamente un principe col reale corteggio. Spicciava nel mezzo della piazza o spianata, chvi dinanzi giaceva, una fontana a schizzi fresca e chiara con nove zampilli che sprizzavano in alto, e di se facean lago all' intorno. Dall' altra parte l' amplissimo appartamento dell' Abbate con molte camere corredate con ogni sorta di magnificenza comprendeva due sale; nelle quali ricevea le visite, e coloro che avessero a trattare altri affari in ordine alla carica. A queste sale era annesso il refettorio, nel cui disopra si continuavano due appartate e ben dipinte librerie: sotto le quali con un oratorio magnifico era fabricata l abitazione degli Abbati forestieri con un portico tolto su da colonne di marmo che reggevano l edifizio di sopra: e qu per l estivo caldo, quando rimettevano le faticose vigilie, piacevolmente si ricreavano i Religiosi. Lascio andare le fornitissime dispense, le spezierie e le officine delle diverse arti, gli amenissimi verzieri,i branchi delle generose razze de' cavalli, le grandissime stalle che tenevano ognuna interi jugeri, ed innumerevoli altri luoghi e commodit per alloggiamenti della famiglia od ornamenti del sito; acciocch mentr io vo nominando ogni minuzia non riesca troppo fastidioso e curioso narratore. Un piacevol ruscello scorreva in mezzo al monastero e con lene mormorio girando batteva il difuori di tutto il muro. Quinci e quindi lussureggiavano viti e rosaj; ed altri odorosi fiori intrecciati ne illeggiadrivano mirabilmente le rive. In fine tutto il monastero era, secondo che contano le cronache, di tanta grandezza da paragonare a una citt; talch stancava assaissimo chi ne visitava a piedi ogni parte; ed era duopo che gli Abbati pi vecchi particolarmente, quando andavano in visita degli artefici e dogni luogo, vi gissero a cavallo. Io trovo scritto negli annali che i monaci raccoglievano ogni anno 900 moggia reggiane di frumento, oltre la spelta, il riso, e le diverse sorta dei legumi. Si legge ancora che lAbbate ove temesse nemici spesava alle volte da 60 uomini a cavallo e 40 a piedi come guardie del corpo. Questi edifizj di si grande magnificenza spiano di poi con lagrimevol ruina Feltrino Gonzaga, intento alla salvezza della cittadella.

 

Incō int al pst, de st grandiōs cunvint, an gh' armş gnnt.

Cēşi e Monumint

La Başlica ed Sn Prsper

Sn Prsper Strin