Al Crstel

 

Al lt a Rivlta

La sttva in Pisa Grnda

Al pnt ed la ferovia insm al Crstel a Guastla

Al Crstel al ns a Caşna a crca 550 i.l.m.; al s cōrs al se şvilpa, in pi prta, ed finch a la Statla 63 e, dp avir travers Rz, al cuntnva tra sra e nt per butres p in Po, cun un percōrs ed 55 chilmeter crca e dp avir travers i cmn ed: Caşna, Vsn, Quatr Castē, Albinia, Rz, Cadelbsch ed Sōver, Castelnōv ed St, Guastla e Gualtēr.

Un bl pō ed timp prma ch' a rivs i rumn dal nster prti, al Crstel ("Crustulus Magns") al curva a matina ed Rz dal prti ed Sn Mavrsi, int al lt in d incō a gh' al Rden, un al Treşnr ("Trex in Rio", pi trdi ciam "Trixinaria"), i d turint a cuntinvven insm vrs Gavsa e Bagnōl per prdes int al padl ciamdi "Bondeno" int la Vl Padşa. Per cşvi naturli i d turint as divden: al Crstel vrs al cinter ed cla ch'la sr Rz e al Treşnr vrs ''Tresinario'' cla che incō as cima la Maşun. Intōren al rvi ed l'antgh Crstel a vn tir s la "Regium Lepidi " rumna, al turint al pasva in d adsa a gh' Cōrs Garibaldi, ('na vlta al gnva ciam Cōrs ed la Gra perch apnt l a gh'ēra la gra dal Crstel) l' pas d'ed l fn al 1226 qund al vn deşvi fōra dal mri, lngh a cl che incō l' vil Timavo.

Int al 1570 al vn deşvi ed nōv int la puşisiun ch'l' ads, a 350 mēter crca da la vcia Prta ed Sn Stēven.

A la met dal '500, int la prta a nt ed Rz, al vn arzn int i lavōr dal grsi bunfichi fti da i Bentivoglio in d a vn ft un rzen nōv ch' l' al prta fn al Po, in d as bta aşvin a Gustla ed precş a Bacanl, un s rm antgh, ciam Crustlina, as pōl vder incra int la berlēda dal Po, ch'la 's andva a butr int al fim a Lusra, al cunfn cun al mantvn.

 

I principl cōrs 'd cva a mnt ed la sit ch' a vn a dr int al Crstel n:

 

al Cmpla in rva stnca

al Ceşla in rva drta

al Vedina in rva drta

 

A vl ed la sit in:

 

- al Guasadōr ch' al deşvn da la prta a sra ed la sit e as bta a rva stnca a Runsēş

- al Mudlina ch' al ns sta la prēda ed Cansa e al ricēv al j chv dal Quarişem (ch'al cipa al j chev dal Murin) e dal S. Silvster e as bta in Crstel in rva stnca a la Begarōla ed Cadelbsch.

- al Chva, ft int al 1579 per arsanr 'na zna grsa e che incō al cipa al j chev dal Canl ed S.Jchem (che s vlta al cipa al j chev dal Canl 'd insa), dal scōl Bandirōla, dal diversv Munsgnōr ed al Chv Macēra per butres in Crstel a rva stnca a la Bastlia un st pch d'ed sta ed Cadelbsch ed St;

- al Rden, che dp avir ricev al j chev dal Lavachil, dal Ldla, dal Lavsa, da l' cva Cra e 'd l' Ariōl as bta in rva drta a Snta Vitōria atravrs al Canals Tasun, ch'l' st ft int al 1565 da j arşn cme scōl ed la sit per tōr s al chev dal Canl ed Scia e dal Rden.

- i coletōr "Rinasita" e Alfiere al ĵ chev di st d coletōr a vnen tirdi s e butdi a riva stnca dal Crstel, 5 chilmeter prma ch' as bta in Po, in un pst ciam Turiun.

Int l'ists pnt i Bentivoglio n ft int al 1576 la ''Gran botte'' ch' la permt al Crstel ed crer vrs al Po e al chv Parmigiana-Moglia, ch' gh psa sta, ed purtr l'cva dal Po a matina, da Burt al Scia, che minter al psa al d fra l'cva per l'agricultra .

A prupşit ed cst Lodovico Bolognini int al sō "Memorie idrauliche per il dipartimento del Crostolo" dal 1808 al dş:

 

Questo paese (Gualtēr) fu soggetto alle acque, ed era una porzione di quelle valli amplissime dette di Camporanieri, che si estendevano alla sinistra del Crostolo dalla parte di Ovest sul Parmigiano Puigliese, al Nord sino al Po; all' Est confinavano col Guastallese, Novellarese, e basso Reggiano, ed al Sud si spandevano alle vicinanze delle terre di Castelnovo. Tali espansioni venivano formate principalmente dal torrente Enza, dal Crostolo, e da altri torrenti, che colavano dalla montagna, come il Rodano, Canalazzo, e Cava. Nell'anno 1556 fu proposto di disseccare queste valli da certo Pellegrino de' Micheli fattore di detto Ferdinando Gonzaga sulle massime spiegate in una giudiziosa capitolazione seguita fra Reggio, Guastalla, e Brescello nel 1545, rogata da Domenico Pignacchi notaro di Guastalla. Nell' anno poi 1561 volendo i Duchi di Mantova, e Ferrara eccitati dal Marchese Cornelio Bentivoglio condurre ad effetto il disseccamento delle predette valli, e renderle fertili, stabilirono a tal uopo convenzioni tra loro compilate colla scorta delle succitate del 1556 di messer Pellegrino de' Micheli, al quale conviene accordar la prima idea delle bonificazioni, ed al Bentivoglio il merito dell' esecuzione .

Primieramente dunque furono portati al Po in un cavo solo detto Bentivoglio , munito di forti argini () da cui ne venne il disseccamento generale delle valli poste all'Est del Canalazzo. Era gi prima d'allora cominciato ad arginarsi il torrente Enza nel parmigiano; lavoro, che fu condotto a termine dal Bentivoglio mediante la capitolazione col Duca di Parma del 157o, il quale si obblig di compirla, e mantenerla in perpetuo come al paragrafo la di detto capitolato , con che il Duca di Ferrara costruisse, e mantenesse in perpetuo gli argini a detto torrente dalla strada Flaminia sino a Montecchio suo stato; e cos fu condotto questo pure al Po per i confini del Parmigiano, onde dar piena esecuzione agli accordati, e rendere asciutte anche le valli all' Ovest del Crostolo, che si estendevano per il Puigliese sino all'Enza. Fu costrutta la Gran-botte sotto il medesimo (al Crstel) lunga braccia 146. 3, ossia metri 77 . 5. 0 (7 5mēter e 50) di due archi ossiano gallerie larghe cadauna braccia 3. oncie 9, ossia metri 1.9. 8 (1 mēter e 98), ed alte braccia 5.5 ossia metri 2.8.7 (2 mēter e 87)

 

L' impurtnt dr nca che al Crstel, cme al Chva e al Tasun, a cren a vl ed la via Emlia a 'n' altsa ch'l' an permt mia ed ricēver chev a livl ed tra.

Al turint l' nca d al nm al Dipartimint dal Crstel ai timp ed la Repblica Cişpadna, ed la Cişalpina, ed la Repblica Italina e dal Rgn 'd Itlia, tr' al 1759 e al 1815.

La s sttva, ch' l' in Pisa Grnda, l' na dal tri sttvi ch' n stdi tti da i giardin ed la Rgia d Rivlta, al j tri dō n insm al pnt dal Crstel a Sn Pelgrin.

Cl che gh' in... pruvncia