Al Canl 'd Scia

Al Canl a Prta Castl

int al 1950

Pinta ed Rz cun i s canl

(Banzoli1720)

C dal Bş dal Sgnōr

in rva al Canl

nca per Rz, cme per tt al sit in d, fin i scol scr ed la prma prt dal Medioēv, a tōrnen a cumincr a fiurr al j ativit cunmichi l' cva l' 'na risōrsa impurtnta e necesria. La nstra sit, cme l'arcrda la stria, l' nasda atch al Crstel che int i scol l' cambi soqunti vlti al s percōrs.

Int al şvinnsi ed la sit a cren nch al Scia e al Treşnr e l' prpra da quisch che, cun 'n' pra 'd inzgnara idrvlica, a vn ft un sistēma ed canl dimmdi necesri p'r al tnti ativit: al pi impurtnt di st canl l' al ''Berignum'' ciam p Canl 'd Scia, ciam nca Canl Grnd o Mister, scav prubabilmint d'atōren al XII scol.

Per cl che rigurda st urgin, a gh' nca ads d pinsr diferint: secnd soqunt studiōş de stria al gh' sr st fn da l'antichit cme rm dal fim ''Gabellus''- Scia, minter a parir 'd ter studiōş la s urgin la sr medioevla. A st prupşit in un discōrs tgn, a qunt a s, int al 1847 al cnt Ippolito Malaguzzi, Cunsilir de Stt e Presidint ed la Socet Agrria, al cnta la stria dal Canl 'd Scia e qunt l' impurtnt, in cl mumint, per la sit. Da l a 's impra che al Canl al sr st ft fr dal vschev Albricone a partr dal 1179 e ch' al sr st ft per daqur i cmp, pulr al strdi da la niva e dal pantn e fr funsionr i mulin e i filatj ed la lna e 'd la sida (cl che in realt al fva in cl timp).

Al cannich Vincenzo Davolio int la s ''Storia di Novellara'' scrta int al 1825 al dş che:

 

"Fu nella Pace di Costanza, e nel 1183 che lo stesso Imperatore Federico accord ai Reggiani il poter prendere dai due torrenti Secchia e Tresinaro quella porzione di acqua, che abbisognata fosse per i molini della citt. Questacqua raccolta in canali e fin dallora diretta a Reggio, serv pure per i molini che forse fabbricaronsi in quel tempo a Bagnolo ed a Novellara, dove scorse senza contrasto, finch questi due paesi restarono uniti alla citt di Reggio".

 

Salimbene da Prma (1221 1288), int la s "Chronica" l' arcrda che int al 1202 cun al giudsi dal marchiş Guido Lupo, podest ed Prma, ed Guarizzo da Minchiara e Americo Dodhami, podest ed Cremuna st d al podest ed Rz Gerardo Rolandini al perms ed tōr l'cva dal Scia.

Per fr un eşimpi 'd cme l'ēra impurtnta, alōra, l'cva dal Scia as pōl fr nta al 1201, qund scupi 'na gura, crta m dra, fra Rz e Mdna p'r al puss nich dal fim, fin cun la vitria ed j arşn.

In tt al manēri nca 's an sa mia ed precş l'urgin dal Canl, l'cva la gnva, e la vn ciapda incra, tr' al Mnt Armun e Velalnga int al cmn 'd Castlarn, al Canl al v drē la spnda mansina dal Scia per d chilmeter crca e, dp avir pas i pr de Scandin, l' arva a Sabiun e dp ser and dinter ed Rz atravrs Prta Castl, as divd in tnt canl pi cch, al va fōra ed la sit cun d rm che, dp ser turn insm, a trnen a fr un canl sōl, che, dp avi pas Rz e ricev al j chev dal Rden, a Prefuntn as bta int al Canals-Navli-Tasun, che a s vlta, pas Bagnōl e Cadelbsch, a Snta Vitria al v dr int al Crstel e a la fn int al Po a Guastla.

Giovanni Andrea Banzoli (1668-1734), al prēt arşn che int al 1720 l' fin l' "Atlante storico del ducato di Reggio" per cnt ed la Cmna Cca o Galna, la comunit di prēt dal Dm dve l al fva prt, al cnta acs dal Canl:

 

"Il tal canale ha la sua origine dal fiume Secchia nella giurisdizione di Castellarano, dove si divide lacqua del Secchia con i Modenesi per met, e la parte dei reggiani viane imboccata dal comune di Castellarano, che cosi sono obbligati per pubblici instromenti a tutte le spese, e fatiche e mantenerle sino in terra ferma, donandoli per la citta 75 ducati, quel acqua si di divide sopra limboccatura di Sassuolo. E la nostra parte ugualmente divisa se viene gi per il Secchia per uno spazio di cinque miglia avanti arriva alla nostra imboccatura di terra ferma sempre per lo stesso fiume, conservandosi per la ghiara, ed sempre scappandone per le divise che fanno per tenerlache non scorri dalla parte di Sassuolo, dalla quale sempre ne correscorrendo poi da Sassuolo sino al monte Armone, dove passa da Castellarano e poi imboccain terra ferma, come cosi sono obbligati, e come appare nello Statuto vecchio, obbligandosi il commissario di Castellarano porre lacqua del Secchia nel Canale della nostra citt, quale imbocca se viene verso la citt, scorrendo da Scandiano in spazio di otto miglia passando sotto, e sopra allinfrascritti fiumi, il primo si chiama il Rio del Viaza, che viene da San Valentino, e poi dal monte Armone, sotto il quale passa il cosiddetto Canale che poi si divide in due canali.

E cosi divisi scorrono paralleli per uno spazio di un miglio, sino che arrivino al molino di villa Longa.

Si trova poi il rio del Marchi, sotto il quale parimente passa il Canale, poi arriva quello del Bozzoli, quello del Bajoni, quello del Riazone, e lultimo quello di Ponzino, passando sempre sotto a sotto a ciascuno di loro, mantenendo la citt tutte le fabbriche con gran presa, e i due fiumi da monti circonvicini, e si immergono poi in parte in Secchia, in parte nel Tresinaro.

Arriva poi il Canale al Tresinaro, e vi si caccia poi in una botte meravigliosa, unendosi poi le acque del Tresinaro con quelle del Canale, che gia passato sotto al fiume al Chiavichone, che la citt mantiene in quello di Scandiano, e uniti vengono poi anche per lo Stato di Scandiano sino ai confini di Reggio nella villa di Sabbione, dove anche si dividono in due canali.

E pio ritorna in uno, passando per il molino di Scandiano, e va poi scorrendo per la villa di Fogliano, passando sopra il fiume di Bozarola, e dopo sotto il fiume di Squinzano, arrivando ai borghi di Porta Castello.

Passa poi il Canale per li borghi, sinch entra nella citt, ove entrato si divide in quattro Canali, quali volgendosi per ogni parte della citt, doppo havere macinato molini, lavorato filatoglii, et altri edificii, e lavata la citt [] ne uscisse poi da due parti, una da SS. Cosma e Damiano verso la porta di S. Stefano, e l'altra dalla parte verso porta Santa Croce, restituendo l'aque nel detto Canale Grande vicino al molino della Nave, per principio de borghi di S. Croce. Et uniti cos se ne vanno per la strada verso tramontana, che va a Bagnolo, e Novellara, sinch trovando il Rodano nella villa di Mancasale, et accompagnandosi asieme, arrivano alli due ponti delle Rotte. Il primo posto nel Reggiano, et il secondo nel confine di Bagnolo [...] e di Novellara [...] E scorrendo detto Canale a Bagnolo, e Novellara, d'indi alla Parmegiana, alla quale si caccia sotto [...], sinch poi entra al Canale della Moglia in detta Parmegiana, gi stancho d'haver scorso da Secchia sua madre alla detta Parmegiana sua sepultura, per spacio di trentacinque miglia doppo d'avere macinato trentacinque molini.
L'altra parte dell'aqua divisa alle Rotte, come si detto, cade
da detti ponti delle Rotte, e d principio al fiume Canalazzo, quale tortuoso scorre verso Maestro, e passa per li paesi di Bagnolo e Novellara, e per quelli di Reggio, per la villa di Pratofontana, Mancasale, Sesso, Argine, Cdelbosco e Seta, passando sopra il Cavo della Brefana, per mezo d'una Botte detta il Begone. Et ivi poi cambia il nome del Canalazzo in Tassone [...] sinch arriva all'hosteria del Magnano, et indi alla lingua, unendosi poi con il Crostolo, che scorre in Po, ponendo il suo fine in detto fiume".

La bta ''meravigliosa'' a Felghra

(Mpa ed Banzoli1720)

Al Banzoli, ch' l' ft un stdi e tnti mpi di canl e fim ed Rz, al cima "meravigliosa" la bta ch' la permt al Canl 'd Scia ed pasr sta al Treşnr tra Felghra e Scandin. Impurtnt, a l'istsa manēra, n nch i pnt-canl ch' a permten al Canl ed pasr insm a i turin ch' l' incntra int al s percōrs. Tt un sistēma ed civghi al permt p ed dr l'cva per daqur i cmp dal divrsi zni. A la fn, al Canl, al v dinter in sit cun 'na purtda ed 1.700 lter al secnd.

'Na funsiun impurtnta ed l'cva dal Canl, in pi 'd la daquadra di cmp fōra sit, l' nca cla di tnt rt sitadin, cm' as lēş dal documint dal 1341 dve j Ansin ed Rz a dn a tt al perms ed tōr s l' cva dal Canl Mister e, cst, dp avir pagh 'na tsa per quacr al spişi sostgndi dal Cmn p'r al contrl e per tgnr a drē i cōrs d' cva. Civghi, pnt-canl e bti, ēren vri che pretendven cuntnvi justadri e survelinsi atinti da prt dal j avtorit dal Cmn.

Dal XII ind i documint as prla nca di "dugarōl" j incarich dal cuntrl dal civghi e 'd la verfica dal licisi 'd ş ed l'cva da prt di cuntadin ch' n tgn a tgnr a drē a i turint e a i canl in premavira.

L'cva di canl per la mōv nch i mulin necesri al j ativit che fiursen fsi in sit bin documentdi int l'pra ed Vittorio Nironi "Strade, mestieri e vita quotidiana d'altri tempi".

Ed la richsa de st ativit a i cunfrma nch al Banzoli qund al dş che int al 1720 al Canl al fva andr 10 mulin, al servva 31 filatj, 2 calgari; dimndi ed quisch a gh'ēren ble divrs scol prma, difti, Ottone II (955-983) int al 980, l'va d al vschev ed Rz al perms ed tirr s di mulin. Al vschev l' p pas al Cmn al dirt de sfrutamint dal j chev dal Treşnr e dal Scia. Intōren al 1130 al gvren di Cunsol al cipa al pst dal gvren dal vschev e dp 'na qulch duşina 'd n la giurisdisiun dal j chev la vn pasda a i Cunsol (p'r al Treşnr l'n l' al 1179). Chilōr a fn 'na poltica ed dunasiun a i Sgnōr dal Contdo, 'n' eşimpi ed cst l' cl ed Carpnida dve dodş castln a giren fedelt al Cmn, cun cst utnen un mulin p'r un. P'r al cuntrl e al rispt di pt de sfrutamint e dal tgnr a drē a j impint e di cōrs 'd cva al Cmn al numna nca i "magistri aquarum" (magistr dal j chev). Int al 1184 d ed chilōr, Lanfranco e Guido da Campēşen, a vnen ciam cme zdes in 'na quistiun per l'ş ed l'cva e da st ft as caps nca che chilōr a pōlen dr dal mlti.

Pi trd, int al cōrs dal XIII scol, Rz la f strēda cun al fr 'na srta 'd aşinda municipalişda. Difti al Cmn al cmpra tt i mulin: int al 1241 a n' in cmpra quarnta ech vnen control, p'r al sfrutamint, da un funsionri pblich.

Int l'poca dal sgnuri al perms dal dirt insm al j chev al psa al Prncip ch' n' in f nch un guadgn personl: l' al chş dal dal Sgnōr, incō nm 'd un quartēr ed Rz, m ch' al deşvn dal nm d a la bca ed pasg ed 'na prişa d'cva dal Canl 'd Scia, bun ed fr pasr l'cva ed 'na mza maznadra; st perms l'ēra st d a Sigismondo d'Este, fradl ed Borso sgnōr ed Rz int al 1466, ch' al fva la funsiun ed vce a Rz e de Sgnōr a Sn Martin. L'cva la gnva cavda da 'na bca tarda fta int 'na lstra ed prēda ch' la permetva al pasg ed 225 lter d' cva al secnd p'r al canl ed j Umili, (dal nm 'd un cuvint vc) ch' al purtva l'cva a Sn Martin. Al canl al ciapar p al nm ed Canl dal dal Sgnōr, in relasiun a la bca 'd cva ch' l' ar duv impidr che pass pi cva ed cla permsa. Subt st prişa l'ēra ciamda dal Sgnōr ed Sn Martin, m cul al pasr di scol a vn scurd l'ltma prt e int la mint a gh' armş sōl la prma prt dal nm: dal Sgnōr.

Al Bş dal Sgnōr

(Mpa Banzoli1720)

La bca 'd cva la gh' armşa e l' stda ciamda cun cl nm fn a la fn ed l'Otsint nca qund, finda la rsa dirta ed j Este ed Sn Martin per mancnsa 'd erēd mas'c, int al 1834 al dirt 'd cva al psa a la cuntsa Carolina Barbiano 'd Belgioioso d' Este (1797 -1872), per st ragiun al pst al cumncia a ser ciam nca ed la Sgnōra, nm mantgn fn a soqunt dēş n fa qund, an s mia ch, perch e cme l' st, a s' turn a druvr al nm vc.

Da la s nsita, luntna int al timp, fn al XX scol al Canl 'd Scia l' st 'n'impurtnta risōrsa per j abitnt ed la sit, acs impurtnta che qund, int al 1655 i spagnōl ēren drē asedir la sit, a decden ed deşviren al j chev, per impidr ch' andsen dinter al gr dal mri per ublighr acs al nemgh a la rişa. Difti al canl l'ēra druv per fr dimndi funsiun: i s rm a purtven via i scōl ed la sit, in particulr i rst dal lavurasiun a mn, l'ēra al scōl p'r al j chev dal piuvdi che, s' as fsen fermdi, arn trasfurm la sit in un pantn.

Al s chev a servven a lavr al strdi al pisi, a daqur e a fr andr i mulin per maşnr al granj, al sustnsi dal j rbi necesri p'r al calgari, i culōr e al pimb necesri p'r al cermichi, al carbun e al sōlfr druv per fr la pōlvra da spr. Dal j tri fbrichi, (dal vōlti ciamdi nca lōr, in md mia gist, mulin), a druvven la frsa 'd l'cva dal Canl Mister; as tratva ed mj per bter al rm, mōli per arfilr i metl, segheri, laboratri per la brunidra e la lustradra dal j rmi, per la produsiun ed chrta e, ltma m mia mēno impurtnt, per la produsiun ed la stfa.

L' cva la metva in funsiun i filatj in dv ' as arvujva e as fva s al fl ed sida e i fl o i fulun in dv' as batven i ts ed lna per fri dvintr mulşin. In pi l'ēra necesria per i bgn e i lavg: la purghva i ts 'd lna da i grs tt s int la lavurasiun e la gnva druvda int la tintra tnt ed la lna che 'd la sida.

L' impurtnsa dal cōrş d' cva l' nca d dal testimuninsi strichi 'd cme l'ēra druv: difti desps, cun documint pblich, l'ş dal bin ed tt l'ēra difiş e sorveli, cun al schivsr acs ch' a gns sugh o druv ml al canēl. Dimndi interesnt l' st nca al tentatv ed trasfurmr, int al XV scol, al Canl in un navlincanca

, osia in un cōrs d' cva navigbil e bun ed purtr, da fōra dal mri ed Rz, al Po e d'ed ch al mr o invicivrsa, dal fim a la sit.

Epr, sibin i divrs intervint, an n' mia st pusbil fr dvintr al Navli navigbil in tt i period ed l'n e per tt al trt da Rz al Po, nch, e prma ed tt, a cşva ed la pca purtda d'cva.

A grer al burghdi e al strdi ed la Rz dal XVII scol a se sr imbat cuntinvamint int al Canl Mister, che a l'poca, al curva per lo pi squac. S' as fs turn a fr al 'stsi strdi a la fn ed l' Otsint, a se sr incra incuntr al Canl int al burghdi, m se sr ft fadga a catrel dintre al gr dal mri, dve, nca s' al cuntinvva a fr a s impurtnt lavōr, al se vdva sōl per di trt crt. I lavr per quacrel n and avnti nch int al scol dp, fn a che, int la secnda met dal Novsint, as fins cun l'ardşer al canl a un lavr pch impurtnt, p, int j n Stnta circa, cun al scanşlrel dal tt da la vidda ed la sit.

Incra int j n Quarnta, dal XX scol, l'ēra l al sfnd ed la vta ed tt i d ed soqunt quartēr ed la periferia: i cuntadin a druvven incra l'cva per daqur, cun al s chev al lavandri a fven incra la bughda, i rags a peschven incra dal s lt i ps e al rni. L'ēra per l't finl ed la s lnga e impurtnta vta.

Sibin cst, incō, a prm vder al testimuninsi insm al cōrs d'cva per mz di nm di quartēr e dal strdi ed la nostra sit, ch' n al "sgn" dal pas ed Rz e dal s Canl Mister. As s che al Canl 'd Scia l st gest per un p ed timp da la Parmigiana-Moglia, nca se 'd propriet dal Cmn e che fra i pi impurtnt mistēr ligh al canl a catm al "guerdiacanl", dipendin ed la Parmigiana-Moglia, ch' al girva per i cmp ed la zna (cun al bl e al brt timp), cun un badl ligh atch a la cna ed la s biciclta (m desps l' andva a pē), cun al cmpit 'd antr apnt al Canl da i rutm e al "dugarōl", ch'l' ēra un dipendint dal Cmn, cun al cmpit 'd arvr e sarr al civghi ed dr l'cva a i cuntadin int al mumint gist.

Al Dugarōl l'ēra al mistēr, bl da mt m fadigōş, ed cl ch' al cuntrolva e al scumapartva al pasg dal j chev int i canl, per dr da bver al campgni qund i pr ed la zna a gh' ven sj; l'ēra 'na figra 'd prm pin per i cuntadin, ch' as metven int al sō mn p'r avir infurmasiun insm a i st da cumprr o p'r avir di cunsli per la puşisiun pi buna per tirr s la c nōva.

Avş p'r i Dugarōl

(1614)

Avş p'r i pagamint

(1754)

Al Canl atch a Rz int al 1950 crca

Vli e frasiun